Site porbo escort girl athus

site porbo escort girl athus

Il Ponte Vecchio è uno dei simboli della città di Firenze ed uno dei ponti più famosi del mondo. Attraversa il fiume Arno nel suo punto più stretto, dove nell'antichità esisteva un guado. Il Corridoio Vasariano nei convulsi giorni della liberazione rimase l'unico modo di spostarsi fra nord e sud della città, come è testimoniato anche nell'episodio dedicato a Firenze nel film Paisà di Roberto Rossellini, dove la protagonista passa in incognito da una spoglia Galleria degli Uffizi piena di statue antiche impacchettate.

Acredita-se que tenha sido construída ainda na Roma Antiga e era feita originalmente de madeira. Foi destruída pelas cheias de e reconstruída em , com projecto da autoria de Taddeo Gaddi.

Consiste em três arcos, o maior deles com 30 metros de diâmetro. Diz-se que a palavra bancarrota teve ali origem. Acredita-se que tenha sido uma ordem direta de Hitler. O facto é ligado à antiga ideia do amor e dos amantes: Devido a isso, o município estipulou uma multa de 50 euros para quem for apanhado, em flagrante, a colocar cadeados na ponte.

Butchers initially occupied the shops; the present tenants are jewellers, art dealers and souvenir sellers. It has been described as Europe's oldest wholly-stone, closed-spandrel segmental arch bridge,[1] but there are far older segmental arch bridges such as Alconétar Bridge. The bridge spans the Arno at its narrowest point[3] where it is believed that a bridge was first built in Roman times,[4] when the via Cassia crossed the river at this point.

The bridge first appears in a document of Modern historians present Neri di Fioravanti as a possible candidate. The bridge consists of three segmental arches: The rise of the arches is between 3. It has always hosted shops and merchants who displayed their goods on tables before their premises, after authorization of the Bargello a sort of a lord mayor, a magistrate and a police authority. The back shops retrobotteghe that may be seen from upriver, were added in the seventeenth century.

It is said that the economic concept of bankruptcy originated here: Not having a table anymore, the merchant was not able to sell anything. Access to Ponte Vecchio was, however, obstructed by the destruction of the buildings at both ends, which have since been rebuilt using a combination of original and modern design.

A shot uploaded more for personal reasons than anything else, particularly as I didn't even make the bed before taking it. Really must remember to take a photo as I enter the room for the first time rather than when I'm checking out in a hurry Considering the 'Rack Rate' was Euros per night our room at the Hotel Degli Orafi wasn't overly luxurious but it did probably have the highest ceiling of any room I've stayed in. However, on the banks of the Arno, adjacent to the Uffizi it couldn't have had a better location in Florence.

I really can't complain, especially as the trip was a prize for winning an Architectural Photography Competition last year I am posting this as a test to satisfy my curiosity about how some equally uninteresting photos on Flickr can literally get hundreds of thousands-if not millions- of views. I'm betting a lot of it is keywords, so in an effort to prove that I've downloaded a list of the most common google search terms and have added them to this photo.

I'm going to give it 6 months. Let's see what happens!!! I really very much appreciate all the support I receive from other Flickr members. Receiving favorites and comments on my images is always appreciated!

Please Like me on FaceBook. If you'd like to contact me about my photography, please email me here. E se cadono le foglie. Perle leggere su fili di ragno, che durino il tempo di un raggio di sole.

Perchè il tempo è nemico, il tempo distrugge E la natura lo sfida e si agghinda di bellezza con l'abilità del migliore degli orafi e la sapienza del poeta: E' nella fragilità l'essenza! Nel veder gli innamorati, acconsente Not the best photo I took in Florence but important to me nevertheless as it shows the windows of our room at the Hotel Degli Orafi the two windows in the lower centre of the frame as well as the roof terrace with views over the Vasari Corridor and the River Arno to the front and the Duomo to the Rear.

Remotissime sono le origini di Mantova. Al tempo di Augusto nacque il poeta Virgilio in un borgo chiamato Andes situato nel luogo in cui oggi, poco lontano da Mantova, è la frazione di Pietole appartenente al comune che porta il nome del poeta. Vuole la tradizione che sia stato in territorio mantovano, presso Governolo, che papa Leone Magno indusse Attila ad interrompere la marcia verso Roma.

Dopo questo cupo periodo Mantova venne inclusa nell'immenso feudo di Canossa, la potente famiglia di cui Matilde fu l'ultima e più illustre rappresentante. Ma nel i Gonzaga ordirono una congiura e, cacciati i Bonacolsi, si impadronirono del potere che tennero fino al Numerosi monumenti attestano la feconda operosità del periodo comunale, il solenne prestigio della famiglia Bonacolsi, la prestigiosa magnificenza di casa Gonzaga.

Dagli anni del ducato di Guglielmo fino al sacco di Mantova del , la corte dei Gonzaga vive uno dei suoi momenti di massimo splendore. A sua volta la città stessa, fitta di palazzi, chiese, conventi, botteghe, laboratori artigianali, negozi, mercati, interagisce con la corte ducale, accogliendola al centro del suo cuore pulsante.

I personaggi che popolano Palazzo Ducale - il vero luogo in cui si materializza la corte ducale - e Palazzo Te sono innumerevoli e ricoprono le cariche e i ruoli più vari: Pittori, decoratori, scultori, vetrai, orafi, artigiani di ogni genere e competenza; letterati, poeti, musicisti, cantanti, attori, compagnie teatrali, maggiordomi, ballerini, cuochi; e poi ancora botanici, medici, dottori universitari, precettori, astronomi-astrologhi, alchimisti, chiromanti, maghi, ciarlatani: I funzionari in questi anni di norma mutano gli incarichi al fine di progredire nella carriera cancelleresca: In esse risiedono funzionari gonzagheschi che oltre alle doti intellettuali hanno avuto un ottimo addestramento burocratico iniziato proprio in cancelleria.

Very remote are the origins of Mantua. He became the city under the Etruscans of which the population valance retained long blood and spirit civil despite the subsequent stay of the Gauls, replaced, at the end of the third century BC, the Roman conquerors. At the time of Augustus he was born poet Virgil in a village called Andes located in the place where today, not far from Mantua, is the fraction of Pietole belonging to the town that bears the name of the poet.

When the Roman Empire, Mantua also suffered the barbarian invasions. After this dark period Mantova was included in the vast fief of Canossa, the powerful family that Matilde was the last and most illustrious representative.

He died the famous Countess the people of Mantua established the municipal government, which lasted until the infighting did not favor the ambitions of Pinamonte Bonacolsi which in was proclaimed Captain General Perpetual Mantua. But in the Gonzaga conspired and chased the Bonacolsi, seized power that held it until Then, except for the Napoleonic period between and , the province of Mantua was subject to Austria until when he became part of a united Italy.

Numerous monuments attest to the fertile industriousness of the communal period, the solemn family prestige Bonacolsi, the magnificence of the prestigious house Gonzaga. From the years of the Duchy of William to the lot of Mantua in , the court of the Gonzaga lived one of its moments of maximum splendor. The three dukes who take turns in this time span, each with its own personality extremely characterized, they interact with the court significantly, whenever transforming completely - at least apparently - the atmosphere that prevails there.

In turn, the city itself, full of palaces, churches, convents, shops, workshops, shops, markets, interacts with the ducal court, accepting the center of his heart. The characters that inhabit the Ducal Palace - the real place in which materializes the ducal court - and Palazzo Te are numerous and cover charges and variety of roles: Painters, decorators, sculptors, glassblowers, goldsmiths, artisans of all kinds and competence; writers, poets, musicians, singers, actors, theater companies, butlers, dancers, cooks; and then again botanists, doctors, university teachers, tutors, astronomers-astrologers, alchemists, fortune tellers, magicians, charlatans: The picture is completed by adding clergy and members of the aristocracy valance that often play leading roles in the bureaucratic apparatus that regulates the mechanism of the Gonzaga court: It is in constant evolution over time; it should be noted that in fact, in addition to the different atmosphere created by the alternation of each court to Duke, in this historic phase that is beginning in the second half of the sixteenth century also the Court is changing profoundly: From the castle to the ambassador, by archivists to couriers, the secretary to the state chancellor, the counselor, every presence contributes to the smooth functioning of the Registry.

Officials in these years as a rule change the positions in order to advance in employment chancery: The most characteristic aspect of diplomatic activity in the sixteenth century is the increase in permanent residences, that at the end of the century are 7: They reside in Gonzaga officials that in addition to the intellectual gifts have had a great training bureaucratic their start at the Court.

The power of the court in a small town like Mantova pervaded every aspect of social and cultural life and its ability to impose its rule prevented the emergence of a market in works of art based on the competition and the fundamental laws of supply and demand 'offer.

Given this situation of a dominant power strongly centralized, not surprising that often private collectors Mantua were besieged by the court, and sometimes even robbed and forced with various tricks to give up their richest art collections and valuable. The very model of collecting ducal therefore constituted for the higher layers of the local society a standard of comparison unavoidable and a powerful stimulus to the enrichment of private collections as a means to assert their dignity and status.

Following the example of the Dukes, from the early seventeenth century many representatives elite valance turned then in passionate art collectors and soon managed to enrich their palaces of numerous works. Paola Giannone [03 ]. La visita alla Domus Romana è fantastica sia perché molto bella e ricca di reperti archeologici e ambienti originali, che raccontano la storia di Roma dal I sec.

Cristo fino al XVI sec. La visita inizia e prosegue fino alla fine camminando su un pavimento di spesso cristallo, che ricopre tutto il percorso museale, perchè i reperti si trovano ad un livello più basso di circa metri e si svolge al buio, illuminato dalle proiezioni delle ricostruzioni multimediali, che completano parti distrutte.

Provo a raccontare la visita, che è emozionante e inizia e prosegue fino alla fine camminando sugli ambienti, riscaldati da un sistema di vapore, che circolava lungo le pareti, dedicati alle saune e ai bagni di gruppo dei ricchi romani, che abitavano la Domus. Piccole piscine con appoggio per sedersi, pavimenti in marmo policromo, una grande scala, che portava alle stanze da letto, piccole, grandi biblioteche, stanze con ampi triclini, mosaici, addirittura un selciato romano di basoli, enormi, di forma tondeggiante, forse di un cortile esterno, mosaici policromi, che rappresentano la vita ricca degli abitanti della Domus.

Una enorme colonna di marmo verde è adagiata nella Domus e se ne vede un altro frammento sotto la Colonna Traiana. Molto interessante verso la fine della visita la presentazione multimediale della storia dei bassorilievi della Colonna Traiana, che racconta la vittoria di Traiano di Daci.

È il ponte più antico di Firenze e l'unico risparmiato dalle vicissitudini della Seconda Guerra Mondiale. Nel MedioEvo divenne sede degli artigiani orafi, che lo suddivisero in tante piccole botteghe, ancora oggi esistenti.

Entrando poi in uno piii stretto esame delle soslanze mineral! Eppero, aria formavasi dalla sua combinazione col- I'azolo , acijua a vapore coll' idrogeno , gas acido carljoiiico col carbonio, e poi selce col silicio , al- lumina coU' alluminio , calce col calcio , soda col sodio e cosi del resto.

Che se anche poco aglr do- veva sapra i principii di taluni metalli , secondo quel cbe 1' altuale stato della cbimica puo ammet- tere , poteva csso pero , se non ossidarli ben tosto, molto [influire alia loro combinazione con altri corpi , o al cambiamento di aspetto che fa dislin- guere a noi tanti metalli, e che forse in si gran numero non sono essi poi in realta. Disiinli in tal modo e separati i corpi , era- no piu direttamente soggolti alle leggi degli agenti prlnciijali , i quali certamente meno inlluir i oteano sopra di loro quando a soli principii , ad atomi soli riduceansi nel fluido universale.

Ma noi non abbiamo fin' ora che segujto plu d' appresso a' fenonieni produttori , da una spe- 55 ciosa ipotesl imaginati ; e fuori de' composti die resultano dalla combinazione dell'ossigeno con altre eleinentari sostanze , per nulla ci siamo direUamente giovali delle prove che le scienze di fatto possono prestaici. Ajtito non poco ci presta in tale ricerca la geologia moderna, la quale, merce gli applauditi ed utili lavori di tanti valorosi scienziati, e arrivata a distifiguere senza eqiiivoco le rocce che formarono la prima scorza terrestre , allorche giunta a per- dere quella quantita di calorico che fusa sino alia superficie mantenevala , comincio a raffreddarsi e rapi rimersi in forma di scoria.

Le rocce che la com[iongono essa facilmente distingue da quelle che dehbonsi agli aggregati delle mineral! Queste seconde noi trascureremo , e 1' analfsi nostra rivolgeremo sulle prime, le quali esser do- vevano inlallibilmente quelle resullanti dall'aggre- gazione de' primi corpiccioli a gratlo a grado dive- nuli solidi , dallo stato aeriforme in che trovar do- vevansi da principio.

Nel quar- zo 5o parti di silicio uuivansi ad altrettante di os- sigeno, e nel mica circa nella proporzione stessa vi entrava , non rimane quindi altro dubbio nella for- mazione de' componenli del granito per opera del- V ossigeno, che provare essere stato possibile che le sostanze elementari si trovassero sole e vaganti nello spazio, e che il silicio , I' alluminio, il calcio, il sodio erano talmente disposti da prestarsi a de- terminate combiiiazioni coll' ossigeno da formare distinti minerali , nominal!

Ma qiial difTicolta nello ammettere una simile tumultuaria disposizione? Presenta esso forse piu che un' accidentalissimo miscuglio di quesii mine- rali il granito? II felspato vi sta ora in cristalli di tutte le grandezze , ora in granelli minutissimi, ora in polvere , ora fra le lamine del mica , ora misto al quarzo, ora solo. Ma cio non basta: Nel meutre che una forrna- zione di questi occiipa un tralto di siiperficie ter- restre , inlerrolta da una roccia di protogino , cede essa subilo il posto a quella: Di- modoche rignardata nell' insieme la faccia del no- stro pianeta la ad evideuza conoscere che lutto era confusione e disordine uello stato degli elementi minerali quando V ossigeno corabinavasi con esse lorn.

Era questo lo stato che fu detto terra hianis et vacua da Moise: II principio della Creazione descritto da S, Agostino , dal Calmet e dagli altri venerabili interpetri della Bib- bia: Finalmente , die tutti i corpi semplici co- nosduti possono esistere in istalo aeriforme, ed anzi la maggior parte , allorche e scompagnata da altre combinazioni , sempre nello stalo di gas si nian- tiene, e una veriia di fatto a cui nulla puo op- porsi in contrario ; a ridurre quindi un corpo alio stato aeriforme , alio stato di nebulosa che altro si richiedeva die un' avanzata dose di calorico?

Poteva esser quindi questo potentissinio agente la cagione vera per cui gli elementi de' corpi dira- dati e sparsl per esso nello spazio , e detti dai modern astronomi, primitiva luce , non aspetta- vano che [lo incontro dell' ossigeno per assumere una solida forma ed aggregarsi, e sottoporsi quindi alle leggi generali della gravita e dell' attrazione. In questa mia breve disamiiia io nou ho pre- teso altro aggiuugere a quanto da' geologi e dagli astronomi in oggi si ammette , se non la soinma influenza che ha dovuto avere l' ossigeno nella for- mazione de' corpi celesti.

Vero e pur troppo che le recenti osservazioai del sig. Herschell sulle ne- bulose han Joto solidissiino Ijasi alle teorie della meccanica Cvjlesle , co' divers! Senza la di lui cornbinazione cogli ele- menti de' corpi , die nello stato aeriforme nuota- vano nello spazio , in oorpi solidi ridur non si potevano ; e le leggi del gravifico , dell' eleltricita, deir attrazione non avrebbero agito certo con la stessa attivita sopra sostanze aeriformi, che sopra sostanze solide.

Nessuno de' corpi semplici, per sola attrazione per sola fbrza di gravita assume la forma solida J ed i laboriosi esjierimenti del sig. All' inconlro i Phillips op.

Un passo di piu , piccolo per quanto si fos- se , nella scienza tende sempre al di lei aumento, scopo principale che ogni accadeaiico assembra- mento di naturalist! E pero era mio proponimento ornatissirai socii occupare in questa tornata la vostra dotta curiosita presenlandovi la storia di due nevrosi singolarissime per la speciale guisa di forma mor- bosa j dappoiche se nel campo della clinica bisogna i fatti d' ogni sorta raccogliere , a preferimeiito i peregriui son rjuelli , che teoriizandosi potrebbero sollevare un lernbo del velo di che si avvolgono le cose , e ai camniini della scienza positivamenle giovare.

Ma in non guari si disaraavano , poscia a non molti di vennero per interesse a grande tenzone, e imbesliando con ansia di vendetta quel terraz- zano, la donna fu si malconcia delle percosse, da crederla presso a passar di vita, dietrocche per la patria fuggi spaurito prendendo raalinconia di quello strano accidente. Cogliendolo in viaggio le tenebre stanziossi nella fatloria di Casanuova , e quella notte in sviamenlo mentale mostrossi operando cosi insigni 45 stranczze che agll albergali mosse paura e lascia- ronlo dimorando a cielo scoperto finche raise r alba.

Sin d' allora il catdvel d' Occhipinti di quel- rinfcrmila viene sempre aggredito non appeaa si assonna , e noD polendo durare a fatica tapinando trae suoi giorni , ed io sortiva opportunita di ve- nirlo osservando in un viaggio medico in Donna fugala , podere neW agro di Vittoria raentre iva a porger consigli per una Tifoide che avea ridotlo a mal piinto una vaghissiraa giovane palermina che cola villaggiava in assieme alia illustre faraiglia del sig.

Barone di Donnafugata , ed eccone la espres- sione fenomenica per quanto accuratamente osser- vai, e per quel che me ne scrisse il chiarissimo dott. Jajjicliino di Vittoria i. Non si tosto addormiva che come stato pro- dromico de' movimenti presentava agll arti toracici, ad ambe le mani , e il respirare divenuto frequente grado grado si faceva aneloso , collegandosi a la- mentevole suono che rimiuavasl in lieve miago- i Colgo qui il dcslro a manifeslarc con mio compia- cimcnlo die 1 insigno noslro Socio conispondcnlc Doll.

L' orlosiadia lasciando di poi piglrava il portamento quadrupede , sulle ginocchia e le mani reggendosi o sui gomiti , e quel mite siiono veniva piu a pill invigorendo come di gatto , che dassi alia cerca del sesso. Ormandosi in quella raaniera la testa china tenendo gli occhi chiusi , ad una scala s' imbalte che sail tosto carponi, e il miagolio modificossi in quelle di galto che per procella si da fretta e fa grida. E piu in la avviato sarebbesi e al culmine della scala sinanco , se non si fosse rivollo all' in- giii , onde scese torno a rotear per la stanza , e' avvenutosi alio spigolo d' un pilastro gli diede incontro col capo j e dopo tali mosse il miagola- mento nuova foggia assumeva e come quelle di gatto dove abbia il rivale propinquo , e che cir- cospetto si avvicina a mettersi in difesa, e ad assalire j ma durando in quegli atti che poleano cagionargli sinistro si slontano.

Poi si posava miagolando a cupezza , un campereccio avvicinavalo allora a notare le sue azioni viemegllo , e in tal mentre venne a maniera gattesca sbufTato , poco poscia un arte addominale sliingava , il toracice rispondente in- sussieguo, e li muove ad analogismo del gatto.

Coniiiicio a dinienare la testa dipoi e le mani odorandosi avvisando rimaner ancor della sostanza predata torno a masticare e a deglulire nelta me- desima guisa. Sui gomili stando in sussieguo, inuove il capo di nuovo , e va spiando merce 1' odorato a cerzio- rarsi di preda siiperstitej ma le azioni antedelte e il miagolio e i ftnomeni meccanicj di respirazione aprivano cosi finito analogismo colle funzioni fisio- logiche gallesche , che 1" individuo non osservandosi si tenea sicurta esistere quivi un individuo galto.

Riposatosi con avvicenda- 48 mento sopra ambi i gomiti faceva delle mosse come per lambirsi il torace e le spalle 5 e sul cabito sinistro posalosi la destra mano diessi a leccare gli stessi moti ripetendo come coUa si- nistra , e a simiglianza de' gatti , dove poltrendo vanno in penslero di iteratamente pulirsi.

Ma cio non e il tutto dell' evoluzione del jnorbo , ed eccoci ad un' altra fasi ove la mente diversamente sfrenava ed andava in erraoiento. Tornatogli anelito e umana voce schiudendo , che articolava in parola crede essere itisieme colla donna per cui passiono, la svillanegg-ia scaricandole sopra un rovescio d'ingiurie e di rampogne, per le rice- vute nequizie , e la rubata moneta le crede dar gran punzoni , colpi di ginocchia vi aggiunge , clie sul pavimento rimbombano , e piu angosciava e piu inacerbiva e fieri urti menava che si reputo convenevole tai pensieri slornargli di die si addava con tanto rammarico ; ma invano che addebitan- dosi grave delitto ripiglia la ortostadia e da qual- che orma di voler fuggire dicendo.

Miagolando di nuovo ripiglia la progressione quadrupede , lascia la casipola e si diede per lo corlile girando ; ma in poco spazio altulivatio gl'in- telleltuali disturbi e varcavasi l' accesso parosistico, posossi boccoue sul suolo, ebbe travagliato respiro, 49 ritnostro uraano parlare , impetro la madonna delta Catena a scatenarlo , e s' addoruii. A spiare viemeglio impertanto i falli di quel- r infermita , e a toglierj? L' egregio dottor Japichino di cauterizzare V e- groto durando il fervor dell' accesso ed egH facealo iin bottone cadente apponendo di costa la prima vertebra lombare , e poi altri due in punti vicini 5 ma da un po di corrugamento del tessuto alia sola prima cauterizazione non venne veduto, e i' egroto in nulla slurbato da questa soperchianza dl slimolo , senza interrompimento segui carponi miagolando , e il parosismo un correre uguale seguendo dilegnavasi di pari modo la madonna della Catena chiamando.

Dormendo la notte all' ora assueta s veglia va avvertendo raolestia al luogo bruciato che esagita- vasi fortemente e si convellea Jper dolore, indi appari febbre che protrasse piu giorni ma che noa impedi di rivenire ogni notte I'abituale malore.

Ecco r imraagine de' variati turbamenti fuQ- zfonal! L' accesso parosistico accade durante il son no e nel principio sempre , anco qualora questo suc- cede nel giorno j 1' insulto avviene pressocche ogni notte e per quanto si e osservato non piu d' una fiata J la malattia costantemente presenta nella sua espressione funzionale due categoric di fenomeni j fenomeni di imitazione gattesca 5 fenomeni di ri- petizione di atti che nella veglia sono accaduti o ricordi di sua araorosa consuetudine j durante i primi miagolasij nei secondi voce umana si parla, e nel passaggio degU uni agli altri vi e uno spa- zio di taciturnila 5 durante 1' attacco I'individuo insensibile mostrasi a qualnnque piu forte impres- siouamento.

E a metlerci in via della teorizzazione del faLto e alia ricerca volgendoci della natura del morboj il verificarsi costantemente 1' accesso nel sonno senza mostrarsi giammai in vigilia , 1' addor- mirsi sempre V egroto dopo il parosismo, e lo sdi- menticare ogni cosa alio svegliaraento seuza rimem- branza serbarne , il riprodursi molte azioni intel- leltuali locomotive ripetizioni dell' operare del gior- no, e la categoria de' fenomeni erotici die riap- parivano ad ogni accesso sovente, convipcono ap- pieuo die tale turbazlone cerebrale costituiva una forma di Sonnambolismo.

E lasciando di considerar la malattia come individualita morbosa e a precisarne la sede nel cerebro potrebbe dirsi che se il Sonnambolismo stalegato e dipende d' un esaltazione tlinaniica del- I'organo intero iperencefalo nervia j la Gallantropia che nel suo corso si sviluppava ad una lesione riducesi del giudizio da metterci in credenza di reputarci sformali, in gatto o ad una monomania deH'organo della comparazione , che e quello che fa couoscere I'esistenza dell' io secondo i frenologisti del giorno, iallegandosi nella classe medesima ove la Teomania 53 ei racchiude e comprerulendosi corae la Licanlropia e la Ciiiaiitropia nella Zoaiilropia.

Ma quali sono le correlazioni etiognosiche fra i fenomcni di Monomania Gallantropica, e quelli di Sonnambolismo? L' apparimenlo di ambidue sotto r azione della causa stessa , e il riprodursene gli access! Durando in tale positura morale una sua 5b' fante informavala d' un cotal cavallere che sareb- bele tomato buon sposo.

AH' imeneo fervente ia- cliaazione covando, tali parole per sifl'atla inaniera le entrarono in cuore, die furon d' iucenlivo for- tissimo a sfrenarle la raenle, perversione inducendo air istinto genesico che manifeslavasi con desiderio intenso di maritarsi , comeche ella non conosceva tale individuo , ne avealo veduto per nulla j ma essendo la frenesia lieve di grado , e tenendosi isolata del tutto sfuggi queslo periodo iniziale del morbo ad ogni osservazione , e i congionti si 1am- biccavan il cervello a stenebrare il perche del suo immalinconire e del romilico vivere sole mutazioni che ella nel suo portamento mostrava.

Al nonagesimo giorno dell' accaduto malore ia monistero si pose in serbanza come a sperperare la propensione molesta che la signoreggiava cotanto e cola duro lunga pezza senzache aprisse di quel falleggiare sentore.

Meravigliarono le religiose a cosi strana avvenlura , e perche colei di sagge mauiere non avea per 1' innanti mostralo aberranza, raisero sicurta che la bisogna andasse non altrimenti di come ella narrava. E a delineare meglio e con ordine i falti spellanti a quel morbo ecco il suo fare e la guisa come viene passando iljgiorno e la sera. Colla spe- ranza nel cuore di veder il Cavaliere si leva sul- V alba e cosi mal' asseltata di j anni e in larselto schiude la finestra che raette di rincontro al con- vento ove lo crecle albergato e spia qnei Iiioghi alcan tempo.

Poscla comincia a veslirsi nscita dal bagno fa la sua pettinatura e acconciasi ogrri giorno in diversa guisa la chioma , si lava le mani la faccia per oltre mezz' ora , ungendosi con tulti i cosmetici che potrebbero renderle pia fina la pelle meglio fiorite le guaiice, si taglia le unghie , si stucca li denli , e cosi comincia ad. La cameriera impertanto cbe ne e la fida, compagna tiensi occupata mai sempre a modificare i suoi abiti secondo le foggie varianti di moda, e come il figurino prescrive a cui la signorina asso- ciata si trova , e che gelosamenle custodisce per mostrarsi fra 1' universale delle femmine la prima air unisono del vestire nuovo delle piii capricciose del giorno.

Toccando il meriggio siede a desinar tutla sola, usando moderala cibaria , e negl' intervalli che framezzano il venir delle nuove vivande fa preci onde tosto si avveri 1' agognato imeneo.

Poscia al caro luogo ritorna, e finche assera dimoravi coa poche e corte intramesse , sebbene ne cavaliere ne monaci "vedesse per nulla perche il suo genitore supplicava quest' ultimi che piii a quei balcooi iioa si facessero. La domenica veslita in gala con portamento attillato va ad ascoltar messa nella cliiesa teatina, nel cui convento crede il cavaliere albergalo; poscia col sagrista si tiene in segreto dire , niandando a riferir molte cose al suo prediletto j e quello a scroccar del deuaro finge rilerirle quanto il cava- liere c compiacente di vedersi tanto innanzi nella slima e nell' afletto di lei , e che la facea sicura deir amor suo, uscendo pol dalla chiesa cammi- nava cogli occliI volti al convento, ove immaginava dimorarci il di lei caro da correr pericolo di cader giu stramazzone.

Ascoltava per caso che un cotale che lo stesso nome portava del sno cavaliere , fece procura di tenere a battesimo un neonato ad una signora , avwsando che quegli fosse il suo prediletto si da tutto pensiero di stringer cordiale amicizia con quella, e mostrarlesi affabile famigliare onde lenerla in buona grazia di qiiello e farle presto concludere il sospiralissirao parentado, e la raanda chiamando sovente a tenersela in compagnia.

Ma non pero ne' maggiori fervori erotomaniaci e dove l' aberranza della ragione trasceiule , liene sconcezza nel dire o Irascorre alle laidezze.

E rintellelto nella sua inEegrezza si sta , e tornale il senno, che pare gia rinsavita di qualsivo- glia altra cosa trattando ; con posiliva saggezza , porge consigli per gli alti negozli , gli scabrosi afFari domestic! Di tal guisa seguendo piu. Oltraccio 1' asimettria racbitica fa maggiori progressi, e la egrota sovente di dispnea si travaglia eke acuzie assume , e non cede che alle sanguigne alia dieta alia di gilale. E del corso dal morbo dicendo coraecbe la erotomania abituale si fosse e conlinua ba del divario, e le sue quietazioni e i suoi raccendimenti presenta, e le stagioni mutamento le arrecano , e F allulisce 1' inverno, 1' inasprisce la state e i cal- di del solleone in ispecie.

Tale e la storia circostanziata de' fatti , e la maniera come una frenesia siugolarissima fenome- nizzasi , e che tribola pure dieirp due anni quel St' disavventurato indivlJuo e dal principio mosso che se la clinica raccoglie le osservazioni ed i falii, e dall' osservazione che la deduzione ne nasce e dalla deduzione la scienza, a corredaria di oppor- tune riflessioni e delle illazioni a cavanie io fo innanzi uo qualche concetto.

E primaniente a farci un idea razionale del- r essenza del morbo, se si riflette che 1' aberranza di mente circosciiveasi nel cerchio istretto delle sole cose spetlanti V istinlo genesico, laddove occupar si potea di qualsivoglia altro subbietto ragionanda seujpru da sen no , e da asseverare che la infermila riduceasi ad una monomania del bisogno istintivo della generazione 5 e se arrogesi a cio 1' egrota sorregere ogni guisa di ragionauiento sopra quasi- voglia subbietto , seuza tornare alia serie abituale delle idee erotlche , e che fornita di laziocinio di senso logico mostrasi su tutto cio che non presenta rapporto colla idea dominanle , potrebbe- si ammettere che la monomania era perfetlamente circoscrilta a quest' istinto suUanto , e che costi- tuisse la vera monomania ove T aberranza sta per un solo passionameuto.

L' idealita operava la personificazione del- r individuo che non conosceva per nulla effigiando il bello ideale d' un maschio. II sentimento di venerazione esaltato, facea dimorare I' egrota in suUa sera co- stantemente due ore in ginocchio per far preci a verificarsi il desideratissimo parentado.

La circospezione si attivava peranco dall' i- stlnto genesico die la mentecatta non usciva fuorj di casa ne frequentava i ritrovi o le adunate fe- stevoli a non melter cagione di dispiadraento 5 e il sentimento della propriela pure vi era sommesso die conoscendo 1' avarizia del sua genitore a sfog- giare in dovizia ed eleganza di vest! E oltracdo il cerehello e 1' islinto genesico irradiando le facolla inlellelluali riflettive fa credere tutti quel paradossi cioe die innamorasi d' ua Individuo non mai vedulo da lei ; die lo vieng aspettando ogui giorno 5 die lo crede vestito mo- naco per amor suo , e albergato nd piCi viciqo convento.

Ecco il meccanismo ddle fuazioni del cerebro 6zl presso rinclividuo dl clie si favella, la gulsa come r islinto predominante signoreggia d' alquanto e il modo come si coordinano e si combinan fra loro le funzioni dei ripartimenti diversi dell'organo e le ausiliarie e le antagonistiche. Da ultimo celebrando la rarita deU'Erotomania che fa subbietto alle no- slre ricerche avra potato vedersi come essa viene ad interpretarsi secondo le teoriche della frenologia che Iraveduta dagli antichi come in barlume , creata e ridolta a sistema dal Gall aggrandita dai travagli di Spurzheim , sempreppiu immegliando nella via del progresso per le fatiche di Combe Vimont Broussais e delle Societa frenologiche , forma la positiva occuiJazione di molti scienziati del giorno , a schiarire viemeglio le leggi e i fatti complicaiissimi delk fisiologia dell' encefalo.

Poco dope le scavazioni furono abban- 0 Ferrara Mineral, sicil. Economica di Catania iSSy. PaJer, — pag, Giuseppe , pezzi c i'arina. Wei i peio un tenenle di cavalleiia in- glese, il sig. Becli , presentalosi al signer Pietro Canipanella da Messina , socio nostro cor- rispondenle ed assiduo ricercatore de' minerali Eclle raontagne pcloritane, gli domandv.. Daniel francese , ed un sig.

Basile napolitano , e ad interrogar varie volte sen venne il prelodato sig. Campanella con piu di precisione , suUe localita e suUe condizioni di que' metalli , non che del carbon fossile , del- r allucne , ed altro. Trovavasi di quel tempo in Messina V augusto nostro Monarca FERniNANDO II, e que' tre intra- prenditori gli si presentarono per domandargli il permesso di scavare le miniere di Sicilia e di Ca- labria , coUa privativa di anni venti 5 a condizione di lasciare poi la gran Fonderia alia inglese , e le miniere aperte.

Beck furono assegnate , ed aUrettante al sig. Daniel, quale agente della societa delle niiniere del Regno unito. Tutto cio fu stabilito prima di saggiare i siti dei supposti fdoni raetallici.

I lavori cominciarono in S. Miceli presso, Messina; punlo scoperto sin dal dal signer Gioachino Arrosti , e dal sig.

Campanella j ove il solfuro di antimonio con qualche traccia di arse- nico piombifero si appalesava nella forraazione del terrene lalcoso. II fondo fu gabellato dal Conte Averna per anni nove a due, all' anno: Si fe , non ostante , correr voce die il profitto era grande e che la impresa era acceitata pienamente, e la fama se ne spargeva per la Sicilia esaggerata sempre piii progredendo. Ma tulto ad iin tratto si cesso da' lavori in S. Miceli , e le maccliine egli opera! JMalteo , colla spesa di due.

Carlo Porta di ferro — e Portogalli , colla spesa di due. Junker capo direttore delle miniere di S. Adriano Paillette in- gegniere dello Stalo civile e rninerologo insigne. II secondo rimase da Direttore, per istabilire se in ogni niodo , dopo tante consi- derevoli spese, convenissc continuare de' tenia livi ne' siti che piu ricchi apparivano. IMa questi co- nosciuta la vera natura delle miniere trovo che la impresa doveva infallibilmente andare a vuoto: Dopo di che la compa- gnia , lasciando per juanto dicesi in S.

Miceli qm'ntali , di minerale grezzo , in Fondachelli quiutali 3oo, e quintali in fiume di Nisi , noa ayendo tutt' ora una stabilita Fonderia, e temendo di spendere altra ingente somma per trarne resul- taraenti infnittuosi si e ridrata , colla perdita di onze trentamila!!! Paillette e 1' amico Gampanella , facendomi done de' metalli tutti ivi scoperti , non che di altri interessanti mineral! Paillette venuto in Catania ed inlrattenendos! Paillette ed il Sig. Gampanella, a' quali aggiungendo que'pochi da me stesso iu que' luo- 10 74 ghl altra volta raccolii, potro aiiDuuzlai-e una col- lezione completa de' metalli di Sicilia.

Nessuno ignora che le sostanze nietalliche in varii modi si trovano giacere fra' material; delle roc- ce di antichissima origine. Le formazioni dette pri- mitive di gneis , di micascisto , di scisto argilloso, di talco 5 quelle di grauvacca e di scisti del periodo intermediario e siluriano, non che taliine delle piij. Talvolta compaiiscono in vene lia la roccia slessa: Difficile riesce a prima giunla il poter deler- minare la potenza di una miniera , perche quando essa si manifesta alia superlicie di una roccia non apresenta sempre il suo vero carattere: E in questo per 1' appmito die i nioderni possono dirsi piu esperti degli antichi 5 imperocclie velusta per quanto si fosse 1' arte di scavar le fodinc , e di fondere i metalli , non puo tuttavia negarsi che i metodi ne sono stati sempre migliorati , ed hanno progredito verso la perfezione in ragion diretla de' melioramenti che la minera- logia e la geognosia vi ban recato.

E se ne' pas- saii lemj i era sempre dubbio lo intraprendimento de' lavori per le miniere , oggi che i lurai della geologia si son portati fin suUa natura e condi- zionc de' filoni metallici , si puo con raolta fidu- cia ri osare sul gludizio degli esperti e dotti ia- gegnieri delle miniere. Or uno di questi appunto dee riguardarsi il sig. Nessun filone proprianiente detto gli e toccato osservare , ed a riseiba di una variela di conibinazioni melalliche clie giova piu alia mineralogia in generale cbe alia economica ulilita, lieve o nessuno indizio lia rinvenuto , die meri- lasse la pena di ulteriori lenlalivi.

Veri soiio slati tiovali in parte, da' suoi spe- rimenti, i residtati clie si oltennero dagli esperli di allora sotto Carlo vi e sotlo Carlo iii j ma cio non impcrta che le miniere presentassero filoni pro- fondi e durevoli.

E mi sia lecito che tornando di nuovo suUa storia di essi io faccia riflettere, che se i lavori furono continuali per qualche lem- po, cio si deve senza dubbio ad uno scaltro stra- tagemraa usato da non pochi impiegali in quelle opere , onde continuare ne' loro soldi e profiui , di presentare , cioe , a' Monarchi residtamenli reali di raetalliirgia, che davano prodolti vistosi di ar- gento , di rame , di piombo ec.

Ma a lungo andare, come per solo conforta della afllitta umartita , sempre avviene la verita dovea pur manifeslarsi. Si tento far credere die il gran numero de- gli impiegati dal goveniu portasse I'enorme sbilan- eio nelle spese, e si proposero simulati appalti ed arreudameiili, ma anche questi doveltero andare a vuoto, perclie in effetto il maleriale era scarsis- simo e spesso maiicava del tiUto.

Si abbandono dun [ue allora il pensiero delle miniere in Sicilia da quelli cui era noto I' andamento delle cose ; ma resto sempre nei volgo , ed anche fra' cultori della mineralogia , fiuo in mente il pensiero di essersi senza ragionc abl andonata la idea di scavarsi le uostre minerali ricchezze ; a segno tale che , come di sopa s' e cennato, il saggio governo noa voleudo mostrare che opposizione alcuna dal suo canto si trovasse a tali imprese, permise a' pro- prietarii ed agli intraprenditori lo scavamento delle gallorio, a propria loro ulilila.

Questi non furono mai da lui rinvenu Ecco pertauto il vero ed essenziale motlvo per cui tutte le volte che si son volute scavare le nostre miniere, ancorche favorevoli resultati aves- sero dato i primi sperimenti , si e poi dovuto rinunciare all' idea di coutinuarne i lavori. A vedere solaniente i pezzi die contegono questi metalll , fa iu vcrita pena sensibilissinia il pensare die cosi poca quantita iie conlenessero in seno le nostre rocce 5 e non si pu5 non deside- rare vivanienle in cuore die il Sig.

Paillette si fosse ingannato ne' suoi saggi: Ma per I'opposto e da temere, per chi co- nosca la natura de' terreni e de' minerali , che M solo desiderio di vedere ricca la Sicilia anche di miniere nietalliche fa uutrire una sperauza , che e poi vana in effetto.

Passianio al Catalogo de'campioni ch' io con- servo , rinvenuti da nie nel i , inviatinii dal Sig. Campanella in Novembre dell' anno passato , e donati gentilmente a me nello scorso niese di Maggio dallo stesso Sig.

Paillette j e questi, mi h parso clover classificare sccondo il meiodo del Sig. Arsenico solforato giallo in pirite blanca di ferro. Questo pezzo e di Fiume di Nisi. C;irlo a Flume di Nisi. Questo ininerale si trova incrostaute i pezzi slaccali delle recce degli antichi scavamenli 5 e li due alabastri 8ono a slralicelli , nno sovrapposto all' altro P.

Carlo a fiume di Nisi. Arragonite coralloide , ossia Flos ferri con alabaslro , della miniera di S. Del pari che i sopracenna-li minerali , questa Arragonite e pur essa incrostarite i pezzi staccali della galleria di S. Carlo ; a bellissima ramifica- zioni , e d' una Lianchezza di neve. Arragonite acicolare , nello Scisto decom- posto di Fiume di Nisi. Manganese ossidato ferrifero j e manganese Jdrato. Trovasi nelle gallerie di Piume di Nisi , ma in poca qiiantilli. Ferro solforato lamellare , da mc raccolto in Noara nello scisto argilloso decomposto.

Pirile marziale in massa, color bigio lucido, a superficie iridata — di Fiume di Nisi. Ferro carbonato spatico , color bianco sporco, con quarzo, dell' Argenliera di Noara. Ferro carbonato spatico color bruno con piiiti di ferro , e ferro solforato in laminette , da me raccolto in Noara.

Ferro carbonato, color bianco-sporco , con solfuro di rame , p aolfuro di ferro lamellare- deir Argentiera di Noara. Ferro carbonato spatico, color bruno, con quarzo , pirite di rame , e di ferro: Ferro carbonato sj alico color bruno rossastro , e quarzo: Rame pirltoso in roccia di quarzo j del nuovi lavori di S. Matteo a Fondachelli ; con ferro spalico brunastro. Runie piritoso, in ferro carbonate spatico 5 deU'antica miniera di Spucces a Fondachelli.

Rame piritoso in massa , di Novara rac- colto dal Sig. Rame solforato , da me trovato nella for- inazione di Gneis presso Barcellona. Rame piritoso in ferro carbonate spatico: Campanella nella conlrada Speda- lotto nel Hume Mela 5 S. Rame ossidato e carbonate , nella roccia di Calcario di tiansizione di Ali j da me raccolto nella strada , fra' pezzi otaccati nel laglio di quella rnpe.

Bouruonite — Solfure di piombo , di rame argenlifere e di antimonio nelle gallerie di Spuc- ces-- Fondachelli. Bournenite — Solfuro di piombo e di ra- me argentifero, di S. Bournonite — in ferro spatico , ricca di argento, di SJ" Amalia. Erano queste due cave cbe diedero piu di 85 argenio nei prirni tempi delle esplorazloni delle minicre , come lo danno anclie oggi i pezzi eslratti.

Carlo in fuinie di! Solfuro di piombo dell'argentiera di No- vara , raccolto dal Sig. Solfuro di piomho argenlifero, ne' nuovi scavamenti dell' argentiera. Solfuro di piombo, nelle nuove opere a Figarella in Kovara.

Solfuro di piombo , ne' nuovi scavamenti deir argentiera. Blenda , con ferro carbonato spatico: ZincVrenite di Spucces , con solfuro di antimonio , da' nuovi scavamenti in Fondachelli. Solfuro di antimonio, di fiume Nisi ; da me raccolto nelle antiche fodine.

Jaraesonite , solfuro di antimonio piom- bifero, ossia iposulfantiraonite scsqui— piombica dei n modernl mrneralogisll j nelle nuove gallerie di Rocca allumiera. Solfuro di antimonio e dl piombo, sco- perto dal Sig. Campanella nella rniniera di S, Miceli , presso Messina. Solfuro di antimonio , e di piombo delle miniere di fiume di Nisi j raccolto dal Sig. De' campioni de' minerali di Aspro- monte, e di Longobuco in Calabria, non che di a'lre localita , nou entra far menzione in iin ca- alcgo di qnelli soltanto che a Sicilia appartengono: UM essi esistono situali al posto che a loro appartieae uelb inia piccola coUezione.

Un quintale di quella di S. Amalia ha date spesso argento once i6. Carlo in fiume di Nisi ar- gento once La blenda argentifera Argento once 6. La galena argentifera delle nuove opere argento once 7. Con tutto cio , se in luogo di nidi, di scarsi rognonl e distanli uno dall' altro , si fossero pa- lesati se non potenti filoni , almeno con minori intervalli e di maggior volume que' rognoni stessi nelle nosire rniniere , certo che con abbondanzsi compensato avrebhero le spese delle opere , e di grande jjrofillo saiebbero riuscile.

Ma la loro par- ticolare formazione, come la stiina il Sig. Paillette, ci fa dolere con noi stessi averci lusiiigato finora di possedere Icsori che ci niancano in eflfctto i. Le nostre mire' j ertanlo par che a jnu sicure imprese rivolger si dovessero , per migliorare , se e pos- sibile , la nostra condizione.

Saggl delle rniniere di Calabria. Piiite marziale , in ferro idrato; dalla mi- niera di Agnano , Calabria. Galena , blenda e ferrossido , con miscu- glio forse di Fianklinile? Aspromonte , Calabria nllra 3. Carboualo di pionibo, misto a carbonalo di zIdco. Calabria ultra i Dacclie fn Ictla qiicsia mrmorla si b sapnio oggi- che il Sig. Galena fibrosa — dl Longobuco Calabria citra 6. Blenda , dell' Acqua della radica presso liODgobuco.

Tondi e delle preparazioni patologiche del cav. Istituto d' Incoraggiamento alle scienze naturali e delle societa econoniiche in questa parte de' Vostri Reali dominii , e special- hiente i iniovi regolamenli per le tre universita fli Sicilia , addiinostrano a chiara luce quanto la Maesta Vostra si occupa alio aumento delle scienze ed clla prosperita dei popoli alfidati dalla Provvi! In iin giorno , peio, si lieto non puo I'Ac- cademia gioenia , che deve tutti i di lei progressi alia protezione della Maesta Vostra , restare spet- talrice indiflcreiUe.

Ecco la descrizione dtUa conchiglia.. Pyrula , icsla alba, piriformi, cingnlis wi-. Concliigha ] iaiica , piiiforme, attorniata da. Laighezza iiuee i i.

Fu rilrovala nel littorale di Messina. Pero aggiustandomi sempre di presso all' os- servazione , dalle cause muoveiido da che pigliano genesi diro della sintomatologia e della loro espres- sione fenometiica, della terapeutica che piii gli torna giovevole, e chiudendo la parte dei generali- smi nella presenle metnoria discutendone la pato- genia, e le mie iilee presentaiido sulla localizazione negli organi e. La Eiiognosia primamente facendone e i modificalo!

Non si tosto viene la staglon dei calori che scaldata 1' atmosfera la lerra e miiuiite le acque che alia superficie stanno scema ogni fondura marosa e stringendo rambito porge un area melmo- sa con avanzalicci vegelali marciti , ed acqua limacciosa pochissima che al raggio estivo infraci- daodo vieppiu scaturigin si fa di niefiti pestifere e spande nell' aere micidiali principi. Tali svaporamenti nelle paludi Irinacrie co- minciano al giugno, aggrandiscono in luglio, suUo agosto infieriscono, continuano ollre 1' oltobre, e sostano come 1' aer s' iufredda e immoUata la terra di verdura si smalta.

E comeche Sicilia fosse picciolo tralto di terra pure nei sili diversi varie condizioni topografiche presenta che in grado differente attivan 1' evoluzion del miasma. Cosi 1' agro siraciisano notino vitto- rese leontino catanese quasi a livello di mare a temperatura elevata perche merigiane regioni del- r isola ad atmosfera umida poco agitata non ricam- biata dai venti, presentano maggior mefitlsmo che i norlici siti , e V Etna come il suo vasto contorno teneno piroide nella parte maggiore , di ciel calo- ro?

Percorrendo difalto le acque stagnanti delle latitudini tutle, e una gradazione facendo della po- teuza deir eflluvio dai climi calorosi ai men caldi 97 SI osserva le africane paludi esser piu nocive delle euiopee, che cola le febbri forme pestilenziali pre- sentano e quelle di Sjiagna d'ltalia viemaggiormente malefiche di cotali di Francia di Russia di Litania non sturbanti la salute per nulla, che i decrepit!

Ma non sono le acque che dimorano nella state inipaludate e stagnant! E nei nostri dintorni e in Sicllia come in tutli i siti palustii quel falto riceve conferma che il di e le ore merigiaue di molto calore cletrimento non recano , laddove all'asserare e la notte la diniora o il semplice passaggio e pericoloso di troppo nias- sinie se vengono gl' individni al sonno.

E qui olTresi il destro di sporre un' osserva- zione peregriiia , come inleressante , spesso notata rel Djio esercizio cbuico, che il passaggio delle re- gioni a niiasnia a luogo salubre , e di movente alU gencsi delle perioilicbe e delle perniciose sovenli.

Un' assidua i icerca dimoslravami sempre che i vlllici stanzianti nelle terre marose con incessanza, e che nelle dimous in quel melitisnio di mezzaano di uno , ininiuui seiluivansi di malaiiie periodi- cbe al redire in palria di aere sano , se ne alfli- gevano toslo. E questa osservazione co- gllesi ancora in moke altre regioni dell' Isoja , che ne' miei viaggi medici faceamisi notare gli abitanti dl Buccheri Cliiaramonle Aidone , comuni di purissimo aere , quando portansi a coltivare i camni salivi che stanno ne' luoghi bassi inframez- zali di acqne stagnanti s esso presentano la febhre periodica tornando al luogo nalale cotanto salubre, mentre durano di buona salute sotto quel ciel maremraano.

E rilevavasi pure il passagglo d'aria malsana al Villaggio d' aria buona , non sviluppare la ma- latlia periodica, laddove da esso ad un alUo sa- lubre d' aere ottimo recandosi sul ventilato culmi- ne dei monti sedente , quantunque fosse corso gran tempo da che lascio il cielo di padule, manifestarsi la raalattia intermittente i. Tuttavia se e vero come il fatto dimoslra verissimo la covazione del miasma disagevole vie- ne scrutare il perche gli effluvi nell' organismo intromessi dimorano si lungo spazio senza turba- zione produrre , e limitando i nostri sforzi alio studio dei fatti , e le oziose discussioni negligendo sopra inconosciuti principi , aspetliamo che il pro- gresso della Scienza dasse spiegamento al fenomeno.

Columella Paliadius Yitruvio Kircher Dagli Effluvi passando ai modificatori fisio- logici die slanno in correlazione coi noslri orga- nismi il clima di Sicilia vario grandemente secondo Lange Varronn Linnco c fca gli Scrittori del glorno Raspail avvisnvano cosliluirsi gli fifliivi di miriadi d' inselti piecio- lissiini invisibili clie inlrodutti nel polmone per 1' ispirazione cagionavano malallic numerose.

I i'aracelsisli e Ramazzini soslcncvano la noclvila dcgli cffliivi provcniro da' vapori sulfurosi saliiii di cui si forinavano. Volta da osservazioni ed espericnze seguile scopriva 1' esislenza d' un gas nolle acque slagnanti die cliiamo aria infiamniabilc o aria nativa dclle paludi c clic crcdea csscre 1' idrngone puro. Foureroy con allri cliiniici insigni slaluiva tal gas csserc un niislo d' idrogone carbonate e d' azolo.

Tlicnard e Dupuylren conosccvano il gas idrogcne carburalo delle fialudi svilnppalo la sciaro nell' acqua a Iravcrso la quale si a pas? Baumcs compcncva 1' almosfera de' luogiii palustri di gas idrogcne gas azolo gas acido carbonico gas ainmoniacale , c oltraccio ridondava d' umidore d' un aroma I'clido e di soslanzc invi- sibili susccllive d' infiammarsi sponlaneamcnie.

Balmc vede uel gas csalalo dalle paludi un principio cbiamalo Settone o azote ossigcnato. A lornire una conosccnza posiliva dolla inlima cssonza dull' elfluvio palustre si k sommesso a delle analisi dirette scrupolosamonle soguite.

site porbo escort girl athus

The solid cubicle shaped building is enhanced by the simple tower with its clock. These frescoes date from the 19th Century but other parts of the former Renaissance Palace feature some from the 12th Century.

The room we stayed in at the Hotel Degli Orafi is just visible the floor above the Corridor as it turns into the Uffizzi Museum. It was commissioned in connection with the marriage of Cosimo's son, Francesco, with Johanna of Austria. The idea of an enclosed passageway was motivated by the Grand Duke's desire to move freely between his residence and the government palace, when, like most monarchs of the period, he felt insecure in public, in his case especially because he had replaced the Republic of Florence.

The meat market of Ponte Vecchio was moved to avoid its smell reaching into the passage, its place being taken by the goldsmith shops that still occupy the bridge.

At the latter extremity, the corridor was forced to pass around the Mannelli's Tower, after the staunch opposition of that family to its destruction. This may look like the interior of an amazing Renaissance Palace, and you'd be right. Of course, being Florence, it's also our Hotel Not the kind of establishments I normally stay in on my photo trips but this one was a bit different as the trip was my prize for winning the 'People and Place' category of the Architects Eye Photography Competition back in The competition is meant to be bi-annual but I checked last week and there's no sign of it returning hope I didn't bankrupt them with my trip This shot was taken from the entrance to our hotel, the Degli Orafi.

A great hotel, couldn't be more central and the best bit I didn't have to pay for it as it was a prize for winning an Architectural Photography competition Not many more Florence shots to upload but then I was only there two and bit days Think I may make a start uploading my recent Reykjavik photos tomorrow. Click here for more Florence shots: New York is an inexhaustible source of street photography, as well as other international cities, only that its power is virtually unattainable in my imagination because in it you will find all over the world, declined in urban key and in a stimulating exchange.

On my last day in Manhattan I walked down a street just off Broadway, in the block where the goldsmiths shops run by Jews also lit the day. A gleaming pickup armored served as reflector and a young man dressed in black, like a modern rabbi, went through along: I waited he arrived in position to capture the image.

A metropolitan picture, I said to myself while I took the pic. Then the boy moved, seeing me and my camera, apologizing for having snookered the photo, in his opinion. Nel mio ultimo giorno di permanenza percorrevo una strada di Manhattan appena oltre Broadway, nel block dove i negozi di orafi gestiti dagli ebrei illuminavano anche il giorno. Un luccicante pick-up corazzato faceva da riflettore e un giovane vestito di nero, come un moderno rabbino, lo costeggiava: Un quadro metropolitano, mi sono detta mentre scattavo.

Poi il ragazzo si è spostato, accorgendosi di me e della mia macchina, chiedendo scusa per avermi impallato la foto, a suo parere. These frescoes in the Reading Room of the Hotel Degli Orafi dates from the 12th Century and were apparently uncovered during some renovation work. I normally prefer my hotels to be a bit more minimalist but the this time I'd chosen my hotel mainly for it's location. Helena is the capital city of the U. The census put the population at 28,, and the Lewis and Clark County population at 63, Helena is the principal city of the Helena Micropolitan Statistical Area, which includes all of Lewis and Clark and Jefferson counties; its population is 74, according to the U.

The following list is an experiment to determine the effectiveness of keywords in directing traffic to photos, and it must be working because this photo is ranked 1 of my most popular bits, ordered by the most views. The Vasari Corridor for me was a potent symbol of the absolute power the Medici family held over Renaissance Florence. Somewhat amazingly you can see my room at the Hotel Degli Orafi in this shot, it was the pair of windows immediately under the terrace with the plants on in the top right of the photo.

Our room was over the top of the Corridor as it turned away from the banks of the Arno to enter the Uffizi Gallery. La prima costruzione risale all'epoca romana, ma fu più volte danneggiata dalle alluvioni del fiume: Dopo la costruzione dei "lungarni", il ponte venne ricostruito, a tre valichi, nel ed è considerato opera di Taddeo Gaddi secondo il Vasari o di Neri di Fioravante.

Nel l'autorità cittadina per salvaguardare la pulizia e il decoro, impose ai beccai macellai di riunirsi nelle botteghe sul Ponte Vecchio per renderli un po' isolati dai palazzi e dalle abitazioni del centro. La disposizione mirava soprattutto ad eliminare le consuete, maleodoranti tracce lasciate dai barroccini dei beccai lungo le strade fino all'Arno durante il trasporto degli scarti più minuti delle lavorazioni delle carni, scarti che potevano ora disperdersi direttamente, senza alcun danno, nella sottostante corrente del fiume.

Da quel momento il ponte divenne il mercato della carne ed i beccai, divenuti in seguito proprietari delle botteghe, per ottenere più spazio, vi aggiunsero in modo disordinato delle stanzette aggettanti sul fiume puntellandole con pali di legno.

Il corridoio sopraelevato, lungo circa un chilometro e costruito in soli cinque mesi, parte da Palazzo Vecchio, passa dalla Galleria degli Uffizi, costeggia il lungarno Archibusieri, passa quindi sopra le botteghe del lato est sinistro del ponte, aggira alla sua estremità la torre dei Mannelli, sostenuto da beccatelli o "sporti" e prosegue sulla riva sinistra "Oltrarno" fino a Palazzo Pitti.

Le botteghe dei macellai furono poi occupate da orafi e gioiellieri per ordine di Ferdinando I nel che mal gradiva un commercio poco nobile e con odori sgradevoli sotto le finestre del corridoio sospeso.

Il Ponte Vecchio fu visitato da Hitler, Mussolini e le gerarchie naziste e fasciste in occasione del viaggio dei tedeschi in Italia del in cerca di alleanze. Per quella circostanza furono aperti i tre finestroni panoramici al centro del Corridoio Vasariano.

Caratteristica tipica è il passaggio fiancheggiato da due file di botteghe artigiane, ricavate in antichi portici poi chiusi, che lo hanno reso famoso, come se si trattasse del proseguimento della strada. Le botteghe di Ponte Vecchio si affacciano tutte sul passaggio centrale, ciascuna con un'unica vetrina chiusa da spesse porte in legno, e spesso presentano un retrobottega costruito a sbalzo sul fiume e sostenuto da beccatelli. Il Ponte Vecchio è uno dei simboli della città di Firenze ed uno dei ponti più famosi del mondo.

Attraversa il fiume Arno nel suo punto più stretto, dove nell'antichità esisteva un guado. Il Corridoio Vasariano nei convulsi giorni della liberazione rimase l'unico modo di spostarsi fra nord e sud della città, come è testimoniato anche nell'episodio dedicato a Firenze nel film Paisà di Roberto Rossellini, dove la protagonista passa in incognito da una spoglia Galleria degli Uffizi piena di statue antiche impacchettate.

Acredita-se que tenha sido construída ainda na Roma Antiga e era feita originalmente de madeira. Foi destruída pelas cheias de e reconstruída em , com projecto da autoria de Taddeo Gaddi. Consiste em três arcos, o maior deles com 30 metros de diâmetro. Diz-se que a palavra bancarrota teve ali origem.

Acredita-se que tenha sido uma ordem direta de Hitler. O facto é ligado à antiga ideia do amor e dos amantes: Devido a isso, o município estipulou uma multa de 50 euros para quem for apanhado, em flagrante, a colocar cadeados na ponte. Butchers initially occupied the shops; the present tenants are jewellers, art dealers and souvenir sellers.

It has been described as Europe's oldest wholly-stone, closed-spandrel segmental arch bridge,[1] but there are far older segmental arch bridges such as Alconétar Bridge. The bridge spans the Arno at its narrowest point[3] where it is believed that a bridge was first built in Roman times,[4] when the via Cassia crossed the river at this point.

The bridge first appears in a document of Modern historians present Neri di Fioravanti as a possible candidate. The bridge consists of three segmental arches: The rise of the arches is between 3.

It has always hosted shops and merchants who displayed their goods on tables before their premises, after authorization of the Bargello a sort of a lord mayor, a magistrate and a police authority. The back shops retrobotteghe that may be seen from upriver, were added in the seventeenth century. It is said that the economic concept of bankruptcy originated here: Not having a table anymore, the merchant was not able to sell anything.

Access to Ponte Vecchio was, however, obstructed by the destruction of the buildings at both ends, which have since been rebuilt using a combination of original and modern design. A shot uploaded more for personal reasons than anything else, particularly as I didn't even make the bed before taking it.

Really must remember to take a photo as I enter the room for the first time rather than when I'm checking out in a hurry Considering the 'Rack Rate' was Euros per night our room at the Hotel Degli Orafi wasn't overly luxurious but it did probably have the highest ceiling of any room I've stayed in. However, on the banks of the Arno, adjacent to the Uffizi it couldn't have had a better location in Florence.

I really can't complain, especially as the trip was a prize for winning an Architectural Photography Competition last year I am posting this as a test to satisfy my curiosity about how some equally uninteresting photos on Flickr can literally get hundreds of thousands-if not millions- of views. I'm betting a lot of it is keywords, so in an effort to prove that I've downloaded a list of the most common google search terms and have added them to this photo.

I'm going to give it 6 months. Let's see what happens!!! I really very much appreciate all the support I receive from other Flickr members. Receiving favorites and comments on my images is always appreciated! Please Like me on FaceBook.

If you'd like to contact me about my photography, please email me here. E se cadono le foglie. Perle leggere su fili di ragno, che durino il tempo di un raggio di sole. Perchè il tempo è nemico, il tempo distrugge E la natura lo sfida e si agghinda di bellezza con l'abilità del migliore degli orafi e la sapienza del poeta: E' nella fragilità l'essenza! Nel veder gli innamorati, acconsente Not the best photo I took in Florence but important to me nevertheless as it shows the windows of our room at the Hotel Degli Orafi the two windows in the lower centre of the frame as well as the roof terrace with views over the Vasari Corridor and the River Arno to the front and the Duomo to the Rear.

Pero svegliano esse I' attenzione dell' osserva- tore sagace , e quest' ultime aucora che per le emanazioni peslifere la salute magagnano. A tale obbietto studiavami di provvedere in una delle rostre tornate alia conoscenza delle palude Val di Nolo i , a continuazioue della Geografia flsico- medica delle acque stagnanti di Sicilia, per flssare la patogenesia de' morbi intermittenti nelF Isola. Gaiva- gni , memoria seconda delle acque slagnanli dei principali punli del Val di Koto lella nella toraata dei id sellembrc Spongo cinque fiumi venir di tal monle: Enarro di poi topograficainente le acque sta- gnant!

La sostanza degli esseri organic! Pero la serie de' corpi che si produce sul globe , progressivaraente nella testura vien compli- candosi , la vita si ffcoomenizza via via neW eco- nomia universale , e per camniino continuato ascendente, dalla vita geocosmica , che forma la combinazione diade , alia psicodiaria , all' organica, passasi che al raisto triade tetrade dan nascimen- to.

Dappoicche la natura e una, interruzione non ammelte nelle infinite sue opere, e la colleganza armonica fra tutti i regni e un fatto di connes- sione necessaria, nell' ordine generale delle esisten- ze corporee. Campeggia in essa il principio di ridurre a leggi costanti le raol- tiplicazioni, gli aborti, le trasformazioni, nei fiori di tale classe di piante , seguendo dell' unita di composizione la sublime tcorica.

In iscorcio gli autori cennando che siffatte anomalie studiarono, non preterendo gli scrittori del giorno , determina con Decandolle e Goethe, i Considerazioni sulle anomalie florali negli Esogeni per il socio corrispoadente p. Francesco Tornabene Cas- sinese leUa nella tornala del zi lebbruio i8 r. I fiori esogeiii poscia, in quattro sottoclassi par lisce, talamiflori, califlori, coroUiflori, monoclami- dei, e ragionando coi 'preeposti principi enumera per ogn' una di esse, una serie di fatti osservati in conferma, moltissimi da vari scrittori ritratti.

Sjiingendo piii innanzi le investigazioni con acume di meute, cliiude i suoi divisameoti san- cendo le quattro leggi seguenli: Di tal modo non alterando nalura il proto- tipo dei suoi andamenti, e coslante mai sempre mirandosi, nelle potenze die impiega per la pro- duzione dei corjii, versatile p' i nei corpi stessi si uiostra, e variaiisbima uel modelldrne in infinite giiise le forme, soUoccbe 1' iiniversallla dei viventi nel Globo presentasi, e colla stessa materia orga- nica, e per processi simili sempre, crea e gli es- seri anomali e i regolari, e i semplici, e i piu com- plicati, e i vegetali, come gl'individui della zoologia.

A foriiire altri material! E co- me avvien di sovente , che un trovato da parecchi istessamente si fissa, senzache scambiasser pensieri fra lore, cosi i due socii bipartire voleano alcune specie della Melania , e ugual concetto in tal mentre gli presentava per lettera il prussiano Fi- lippi , e Risso metteva al fatto il pensiere mede- simo i.

Fissano poi un secondo geuere nuovo, per quattro altre Melanie , che Ortostelide nomano il colonello retto tenendo , ne divisano con soltile descrizione i caratteri , e vi comprendono le specie Ortostelide di CampancUa , Ortostelide rossa- i Catalogo ragionalo delle concliiglie lossili e viventi li Sicilia quarta momoria lelta a 28 gennaro, quinla memoria lelta a 18 marzo Forma subbielto di terza memoria , im nuovo gensre ancora , che alia scienza propongono fin- che non rinviensi analoga specie, da locarsi nella lamjglia de Trocoidi di Cuvier , di costa alle Delfinule.

E questa una conchiglia fossile unival- va, nei colli terziari di Aci-Castello si trova e specie unica forma , dai caratteri generici solarae'nte dislmta , che del nome insignivano del preclarissi- ino prof'essore Maravigna.

Da ultimo due nuove specie siciliane descri- no, di spettanza al genere Troco dello zoologo di IJpsal, Iregiando la prima col nome dell' illustre professore Di-Giacomo, e la scconda con quello del yalente rameralogista, Wolfang Sartorius da jroltinga i. INe a cio solamente ristettero gli egregi soci che con longanime fatica intendendo agli studi ma- lacologi, due altre memorie ci porgevano, a con- tinuazione del di loro ragionato catalogo , sulle siciliane conchiglie , e che dei gasteropodi trat- tano pure.

E nella quarta 2 , del genere Succinea, Ca- rocolla, Jiulimo dicono,: Andrea Aradas, c P. IJemoria quinLi seguilo del Gasleropodi. La complicazion progressiva seguendo degli elementi dell' animalita nella catena generale degli esseri, e dalle forme semplici del malacozoarii, per ordine di cresceiite perfezione, alle complicate de- gli osteozoarii elevandoci, ove anuonizzano le mol- liplicl vite in assieme, e ad unita centralizzano , come la scmma delle singole perfezioni dei diversi organismi, che piii a piu complicando si vengono, esalte vedute abbracciando sull' unita primordiaie di tutte le morfologie della serie animata, rilevasi chiaro che lo zoologico regno e unico tulto, e che i Calaiogo ragionalo delle concliiglie ec.

Meraoria quinta, seguilo dei Gaslcropodi. It la testura organica in moltissi'me maniere si vara difTercuti forme pigliando , secondo i destini che r iiulividiio assuiner deve nel mondo e secondo i did'eriuti luoghi e le innumerevoli patrie che abi- tar doe, onde coirelazioDe vicendevole stasse fra le condizioni di orditura dell' essere , e le condi- zioni di fuori che circuire lo debbono. E r uomo bensi, come gli animali, le piante colla maleria inorganica tiene portentosa armonia, e modificandosi secondo le circostanze del mondo ambientc in che vive, e a cosi dire Timmagine del trallo di terra eve stanzia, e a simigliar quelli la ricerca dei rapporli comanda, delle azioni recipro- che del suo organismo coU' uni verso fisico, ricerca in se stessa difficile, j iu difficile ancora per la sua novi- ta, ma filosofica troppo e leconda in progressi.

H fisiologista filosofo quiudi sludia le variela della specie uniana sul globo , e il clinico i ca- ratteri investiga fisico-morali del popolo, e la sora- ttia delle cose nel luogo, ove I'arle di guarire pro- fessa, a meglio stenebrare la genesi oscura dei ma- li, la forma propria die veMon cola, ed a fissare una jHLi mile teiapeuticaj essetidoche ciascuna na- lura di paese modifica la costituzione uraaua, pre- disceiideiidola a malori diveisi, disforma le uialat- tie le piu ovvie improntandol,; diversa sem bianza e delle infermita spcciali prcsenla, di die la ca- gione ritiovasi sotlo una dipendeuza permanente- nienle locale.

Da lanlo utile mosso, la topografia medica di Catania fu per me argomenlo di uiolti e molli pen- la sier'i e In una prima tneraoria le cause dl malaltia ricercava nei corpi nalurali die quella cilia cir- Guiscono i. Dalla geognosia cominciando, conosco il suo- lo catanese del lerreni piroide- terziario farsi dl varia slesa, or isolali or variamenle comniisli , L' ambito superiore del norte dall'arenaria viene dall' argilia lerziaria delle terreforli;, Ire cor- renli piroidi formano 1' orientale conlorno, la base merigiana vien falla dal mare, dalle erutlate ma- terie del monte rosso, e il lalo ovest e d' arena- ria diterziaria argilia con conchiglie marine fossili , da polersi dire Galania paese vulcanico nei IrallL maggiori.

Copiosa d' acque rilrovasl tratteggiandone la idrografia, e dei numerosi pozzi, delle poche ci- slerne, del fiume amenano , estesamente si dice: Indagando poscia la vegelante uaiura, cono- scessi la fertilita starvi perenne , 1' agricollura in gran fiore, e trovarsi ogni maniera di utili pian- i Topografia medica di Calania o materiale per la sua compilaziorie , del socio allivo D. Tenendo raglone sul fabbricato di Catania particolarmente, e come le abitazioni sono dispo- ste, trovo la larghezza delle strade la disposizione- delle piazze, librata coll' altezza delle fabbriche , ben acconcia a rendere la citla svelta aerata.

Nell' antidescritlo scriitansi poscia , le cause cbe potrebbero raettere genesi alle malattie del- r uomo di Catania , e mentre talnne ne trovo da poter dar nascimento a de' mali sporadici , fra cui le vicissitiidini climatologiche tanto primeggiano, che iin morbo coslitiizionale lalvolta producono , spedita la vedo di condizioni patogeniche provo- catrici di gravi malattie endemiche , costituzionali epideraiche. Di tal guisa siisseguendo nelle altre meraorie, si sporta quel piu e quel meglio di fatii che possibile fosse spettanti si malagevol lavorn, e lo cau- se di malaltia in Catania, e le specie varie ili morbi che vi campeggiano , e la fisonomia speciale che indossano , in miglior liime verranno e i mali ovvii , come i piu siiigolari.

E singolare okreuiodo nell' apoUinare sclenza torna quel caso di calcolo bilinre d' insigue volu- 14 me i , ed ecco come io in altra memoria , il falto nanava. Una donna oUre il cinquantesimo anno , dl dolore intristiva all' ipocondrio destro , di febre , ansiela , sete vomito biliare , stipsi le- nace , giallura di cute ;, peitinace ai rimedi inacu- tivasi il morbo , il dolore eccedente , la piressia risenlita , faceau sincopizzare 1' egrota a brevi in- tervalli , cosi 1' ottavo giorno segnava e meutre al cesso sedeva raanda un estraneo che all' uscire atlutisce il triste corredo de' morbosi fenomeni.

Era r estraneo calcolo biliare d' un poUice e due linee di diametro , in peso due dramrae ed acini venti , a figura pressoche sferica di color giallo ocra sapore insipido , a tunicata orditura j ed all'analisi composto trovavasi di molta quanlila di colesterina , picciola parte di carbonato calcico, picromele , muco addiirito , materia colorante.

A teorizzare il fatto volgendo un dato di allerazione si conosce nel saugue , e forse una qualclie idrogenesi , un iperattivila delle azioni zoochiniicbe nel fegato , che, lavorando sopra un sangue alterato, separava bile nou saua, i cui de- menti concrescibili si coslituivano in concrezion calcolosa.

Statuisco essere all' addentramento nel cauale coledoco che le turbazioni morbose si misero innanli, e ridursi la malattia alia lesione di secrezione bi- i Sopra un Calcolo biliaro di volume eccedente, me- moria del socio dolt.

Galvagni letla nella lornala de' 1 5 dicembre i84i. Classificando 1' estianeo , lo fo apparteaere all'ordine de' calcoli biliari lamellosi di Valter, e traendo illazione a vautagglo delT utiiorismo razio- nale del giorno , chiudo quelle induzioni teoriche, della rarita dell' avvenimento dicendo.

Poige esemplo lal caso della dilTicilezza nello sceverarc i fenomeni d' irritazione semplice , da quelli deir infiamraamento il piu stabilito , che r infermita imagine chiara di epatite peracuta e di colecistite mostrava , e che parea la malattia della morte , laddove un irritazione dinamica in dipen- denza del calcolo che la induceva , era il tutto del morbo , che restano ancora a fissarsi i caratteri difterenziali di tali maloii , per fame sicuro dia- gnostico , e razional trattamento, della flemmazia in ispecie , che spesso si estoUe gigante a minacciar r esistenza.

A determlnare il rnetodo piu vantagioso a curare la flogosi , una memoria ci leggeva il chia- rissimo professor Quadri mentre diraorava fra noi per alcune operazioni di oftaimiatria i. Richianiati gli effetti infelici del salasso nel- r infiamrnamento , seguendo la pratica di Raggi Rasori , riferiii de' fatti di pleurite osservati nella clinica pavese , periinaci alia flebotomia, e taluni i Memoria sail' ioGaiumazione lella nella lornata del 27 novembre Simone a PozzuoH coll' aco- nito solo , presentati casi mollissimi di oftalmo- blenorree imperversate ai salassi general!

Ma il salasso e stato, e adesso , e mai sempre, fin dagli albori primieri della medica scienza , il rimedio razionale , potente ed eroico dell' infiam- maraento , e tutti gli altri che la terapeutica vanta, ausiliarii'sono , ne possono redintegrarlo per nulla, il tempo , 11 modo pero di operarlo , la quantita di sangue da estrarsi nelle flogosi de' vari organi , nelle acute, nelle croniche , nelle lievi , nelle spe- cifiche , piesso i diversi indlvidui , in alcune co- stituzioui epidemiche, annue , in molti stali indi- vidual!

E tanto metodo nelle flogosi specifiche imple- gavasi ancora , e Boillaud nel tifo seguivalo , e Beer Rust Astley Goopei Hessert Eissen nell' oftal- moblenorrea 1' usavano con insigne successo , sino ad ordinare qualtro copiosi salassi in ventiquattrore proscrivendo nel periodo acuto come nocive , le insufflazloni di calomel , le istillazioni di laudano, le soluzioni di sublimato , I'unto idragirico.

Pero a ben curare T infiaramaraento , e per individualizzare I'indicazione, la al letto dell'egro- to, ove il clinico nel cerchio del positivo rinser- rarsl , torna interessante conoscere ancora se da causa specifica o fisiologica viene , e le cause fi- siologiche che dalla climalologia d' un paese si originano , non stanno da sezzo , e 1' influenza deir atmosfera delle meteore , con cui tengliiamo contatto , sono interessanti a conoscersi , che ci istrulscono suUe costituzioni mediche annue norma sovente di medicazioDi diverse.

La pioggia pollici 29 e linee 7 sommava , e la evapoiazione toccava il quaranlollesimo poUice. II vento dominante fu 1' ENE , die piu volte soffio nei mesi gennaio , aprile, giugno, luglio, agosto, settembre. La maggiore forza ventosa fu di o , 5oo di o, la minima.

II massimo azzurro del cielo segno nel cianomelro il venlesimo grado il sedicesimo il miniqio , i giorni delT anno si par- tirono in 78 lucidi , belli 80 nuvolosi Sy piovf si i.

Di tal guisa i Gioeni i vaii rami prescrutano della filosofia naturale , a tulli il loro contigente di falti porgendo, ad ognuno incremento recando. Assuniendo la funzione soUo aspelto generale , e al teorenia di Taylor sottomeltendola , la riduce ad un espressione che iminediatamente richiama suU' insigne metodo di Fourier , e i coefllcienti con maniere proprie fissa in funzione d' una tra- scendenle , cho in altra trasforma piii confacente ai progressi nell' analisi faiti.

Passa di poi a trasforraare con ingegnosa ma- niera la sua forniola in funzione del Gamma la- gendriano e ad un risukato generale perviene che i valori gli porge di tutti i coefficienli cercati. II calcolo intanto di quesli coellicienti da quelle de' due primi solo dipende , e le serie che esibisce la formula per la valutazione , ad un calcolo lungo conduce.

Quiudi Zurria venne trasformandole in due altre diverse piu convergenti , e dopo averne dato a conoscere la legge onde procedono , e le relazioni fra i due coefficienli , coll' apjilicazione r utilita vien coraprovandoci. Prende a tal fine il i SuUo sviluppo in serie delle polenze del radicale esprimente la dislanza mutua di due pianeli del socio corrispoQ- dcnlc Giuseppe Zurria lotla nelia tornala de' jo luglio Ma raentre le dovizie di quest' anno con lieto viso ricbiamansi, 1' Accademia si piaiige di novelle sventure, per tre sostegni di sua gloria infausta- mente perduti.

E dovuto serto dl laude s' in tessera fra no,, euanal chiaiissirao prolessore di geometria Ignazio ISapoli e al medico distinto, al sapiente botanico a terdinando Cosenlini , che tanti individui dl morte al sorriso di lieta vita rende , che forbi di positivi travagli gli annali gioenii , e che piu piante scoprendo a fama eiiropea sollevossi.

Ed io leggendo nei destini dl nostra Accaderaia sto pieno di liete spe- ranze, che messa in fama presso le uazioni sa- pienti deU'orbe, plaudita dal consenso universal del giornah , laudata dai dotti , rifulgera piu pre- clara in avvenire piu brillante come fisso nell'iso- la un era magnifica al suo nasciraento, e maggior- S2 mente nei suoi conquisll elargandosi, sara fernio monuraento, che si fosse alzato giammai alia na- tura di Trinacria, e gloria sollenne di questa clas- sica terra, cuna un tempo delle arti e scienze ed emulatrice mai sempre delle nazioni incivilite del globo.

AUorche peio sono esse sorrelte da fatti immedlali, o da altri che le scienze affini lor possono apprestare, le teorie stesse assu- mono allora un caratteie tale di probabilita che poco o nulla dalla certezza le discosta , e quail assiomi vengono ammesse da' dotti. Si e veduto in fatti nella geologia, non men che in altti rami, come i naturalisti nella spiega- zione di lienomeni sconosciuti , cui debbonsi i niol- tiformi ,ispetti della crosta del Globo , abbiano avuto ricorso agli ajuti della mineralogia , ciclla fisica e dell' astronomia , onde avere una solida base sopra della quale potuto avessero innnlzaie 4.

Ma dair allro canio le leorie astronoraiche le quali , allordie sono fondate sul calcolo o siiUe leggi della iisica , biiHano di luce di evidenza, e faono di quesla scieuza la piii sublime prova della elevatezza della menle uuiaiia: Da quesla primitiva luce, la quale rimanendo diflusa non si manifesla in niodo a! Se il fluido gravifico agiva escliisivameti- te , la roiHlensazione delle nebulose poleva giiin- goie a foiraare delle sfere opache: M J cc Avean essl da principio un nucleo piii o nieuo briUaiite, cd un' atinosfera di materia nebu- losa che li ravvolgeva.

Animati erano da moto di rotazione che facea controbJlanciare la forza cea- trifuga coll' impero della gravita sempre crescente. Ed invero se si puo giungere a provare che i principali elemenli di cui il nostro globo e for- mato , si riducono a tali soslanze, che esister po- levano nelto slalo aeriforrae , e costitulie la, cosi detta, primitwa luce la materia elementare dello universe, non ci resta che scoprire per quali leg- gi, o per quale agente giunsero a condensarsi e solidificarsi le eteree sostanze nello spazio diffuse, indipendentemente dal supposto fluido gravificoj mentre per giusta analogia il Globe che abitiamo i Marmocclii 2 Preliminary discourse on the study of natural pliilo- sopliy — Lond.

Non parliamo gia del calorico, della luce, deirdellnco e del uiagnetico che imponderahill per se stessi, abbenche esistenti tuttora ne'corpi, sono tultavia sensil ili a noi pe' loro efletti piu to- sto che per manifesto indizio di loro piesenza. Qiiesti potentissimi agenli e da diibitare con molto Ibndamt'tilo die esser potessero modificazioni della stessa soslanza. Potevan essi far parte della pri- mitiva luce , voluta dagli astronomi , e agire io essa j e produrvi ben potenti fenomeni colla dila- tazione, col condensainento, colla reciproca attra- zione e repulsione di cui veggiamo muniti i corpi co'quali combinansi quelle elementari impondera- bili sostanze.

L' ossigeno , si sa da lulti essere una sostanza fin' era rinvenuta semplice ; cpuindo vien separata da'corjii co'quali se ne sla in inlima con binazione e un gns senza colore , senza odore e senza sapore. Quale si fosse la quantila di queslo gas nel so- lo nosiro pianet.

Corabinalo col- r azolo forma un qiiinto dell' atmosfera: Ma quel ch'o piu. Entrando poi in uno piii stretto esame delle soslanze mineral! Eppero, aria formavasi dalla sua combinazione col- I'azolo , acijua a vapore coll' idrogeno , gas acido carljoiiico col carbonio, e poi selce col silicio , al- lumina coU' alluminio , calce col calcio , soda col sodio e cosi del resto.

Che se anche poco aglr do- veva sapra i principii di taluni metalli , secondo quel cbe 1' altuale stato della cbimica puo ammet- tere , poteva csso pero , se non ossidarli ben tosto, molto [influire alia loro combinazione con altri corpi , o al cambiamento di aspetto che fa dislin- guere a noi tanti metalli, e che forse in si gran numero non sono essi poi in realta.

Disiinli in tal modo e separati i corpi , era- no piu direttamente soggolti alle leggi degli agenti prlnciijali , i quali certamente meno inlluir i oteano sopra di loro quando a soli principii , ad atomi soli riduceansi nel fluido universale. Ma noi non abbiamo fin' ora che segujto plu d' appresso a' fenonieni produttori , da una spe- 55 ciosa ipotesl imaginati ; e fuori de' composti die resultano dalla combinazione dell'ossigeno con altre eleinentari sostanze , per nulla ci siamo direUamente giovali delle prove che le scienze di fatto possono prestaici.

Ajtito non poco ci presta in tale ricerca la geologia moderna, la quale, merce gli applauditi ed utili lavori di tanti valorosi scienziati, e arrivata a distifiguere senza eqiiivoco le rocce che formarono la prima scorza terrestre , allorche giunta a per- dere quella quantita di calorico che fusa sino alia superficie mantenevala , comincio a raffreddarsi e rapi rimersi in forma di scoria. Le rocce che la com[iongono essa facilmente distingue da quelle che dehbonsi agli aggregati delle mineral!

Queste seconde noi trascureremo , e 1' analfsi nostra rivolgeremo sulle prime, le quali esser do- vevano inlallibilmente quelle resullanti dall'aggre- gazione de' primi corpiccioli a gratlo a grado dive- nuli solidi , dallo stato aeriforme in che trovar do- vevansi da principio. Nel quar- zo 5o parti di silicio uuivansi ad altrettante di os- sigeno, e nel mica circa nella proporzione stessa vi entrava , non rimane quindi altro dubbio nella for- mazione de' componenli del granito per opera del- V ossigeno, che provare essere stato possibile che le sostanze elementari si trovassero sole e vaganti nello spazio, e che il silicio , I' alluminio, il calcio, il sodio erano talmente disposti da prestarsi a de- terminate combiiiazioni coll' ossigeno da formare distinti minerali , nominal!

Ma qiial difTicolta nello ammettere una simile tumultuaria disposizione? Presenta esso forse piu che un' accidentalissimo miscuglio di quesii mine- rali il granito? II felspato vi sta ora in cristalli di tutte le grandezze , ora in granelli minutissimi, ora in polvere , ora fra le lamine del mica , ora misto al quarzo, ora solo. Ma cio non basta: Nel meutre che una forrna- zione di questi occiipa un tralto di siiperficie ter- restre , inlerrolta da una roccia di protogino , cede essa subilo il posto a quella: Di- modoche rignardata nell' insieme la faccia del no- stro pianeta la ad evideuza conoscere che lutto era confusione e disordine uello stato degli elementi minerali quando V ossigeno corabinavasi con esse lorn.

Era questo lo stato che fu detto terra hianis et vacua da Moise: II principio della Creazione descritto da S, Agostino , dal Calmet e dagli altri venerabili interpetri della Bib- bia: Finalmente , die tutti i corpi semplici co- nosduti possono esistere in istalo aeriforme, ed anzi la maggior parte , allorche e scompagnata da altre combinazioni , sempre nello stalo di gas si nian- tiene, e una veriia di fatto a cui nulla puo op- porsi in contrario ; a ridurre quindi un corpo alio stato aeriforme , alio stato di nebulosa che altro si richiedeva die un' avanzata dose di calorico?

Poteva esser quindi questo potentissinio agente la cagione vera per cui gli elementi de' corpi dira- dati e sparsl per esso nello spazio , e detti dai modern astronomi, primitiva luce , non aspetta- vano che [lo incontro dell' ossigeno per assumere una solida forma ed aggregarsi, e sottoporsi quindi alle leggi generali della gravita e dell' attrazione.

In questa mia breve disamiiia io nou ho pre- teso altro aggiuugere a quanto da' geologi e dagli astronomi in oggi si ammette , se non la soinma influenza che ha dovuto avere l' ossigeno nella for- mazione de' corpi celesti. Vero e pur troppo che le recenti osservazioai del sig. Herschell sulle ne- bulose han Joto solidissiino Ijasi alle teorie della meccanica Cvjlesle , co' divers! Senza la di lui cornbinazione cogli ele- menti de' corpi , die nello stato aeriforme nuota- vano nello spazio , in oorpi solidi ridur non si potevano ; e le leggi del gravifico , dell' eleltricita, deir attrazione non avrebbero agito certo con la stessa attivita sopra sostanze aeriformi, che sopra sostanze solide.

Nessuno de' corpi semplici, per sola attrazione per sola fbrza di gravita assume la forma solida J ed i laboriosi esjierimenti del sig. All' inconlro i Phillips op. Un passo di piu , piccolo per quanto si fos- se , nella scienza tende sempre al di lei aumento, scopo principale che ogni accadeaiico assembra- mento di naturalist!

E pero era mio proponimento ornatissirai socii occupare in questa tornata la vostra dotta curiosita presenlandovi la storia di due nevrosi singolarissime per la speciale guisa di forma mor- bosa j dappoiche se nel campo della clinica bisogna i fatti d' ogni sorta raccogliere , a preferimeiito i peregriui son rjuelli , che teoriizandosi potrebbero sollevare un lernbo del velo di che si avvolgono le cose , e ai camniini della scienza positivamenle giovare.

Ma in non guari si disaraavano , poscia a non molti di vennero per interesse a grande tenzone, e imbesliando con ansia di vendetta quel terraz- zano, la donna fu si malconcia delle percosse, da crederla presso a passar di vita, dietrocche per la patria fuggi spaurito prendendo raalinconia di quello strano accidente.

Cogliendolo in viaggio le tenebre stanziossi nella fatloria di Casanuova , e quella notte in sviamenlo mentale mostrossi operando cosi insigni 45 stranczze che agll albergali mosse paura e lascia- ronlo dimorando a cielo scoperto finche raise r alba. Sin d' allora il catdvel d' Occhipinti di quel- rinfcrmila viene sempre aggredito non appeaa si assonna , e noD polendo durare a fatica tapinando trae suoi giorni , ed io sortiva opportunita di ve- nirlo osservando in un viaggio medico in Donna fugala , podere neW agro di Vittoria raentre iva a porger consigli per una Tifoide che avea ridotlo a mal piinto una vaghissiraa giovane palermina che cola villaggiava in assieme alia illustre faraiglia del sig.

Barone di Donnafugata , ed eccone la espres- sione fenomenica per quanto accuratamente osser- vai, e per quel che me ne scrisse il chiarissimo dott. Jajjicliino di Vittoria i. Non si tosto addormiva che come stato pro- dromico de' movimenti presentava agll arti toracici, ad ambe le mani , e il respirare divenuto frequente grado grado si faceva aneloso , collegandosi a la- mentevole suono che rimiuavasl in lieve miago- i Colgo qui il dcslro a manifeslarc con mio compia- cimcnlo die 1 insigno noslro Socio conispondcnlc Doll.

L' orlosiadia lasciando di poi piglrava il portamento quadrupede , sulle ginocchia e le mani reggendosi o sui gomiti , e quel mite siiono veniva piu a pill invigorendo come di gatto , che dassi alia cerca del sesso. Ormandosi in quella raaniera la testa china tenendo gli occhi chiusi , ad una scala s' imbalte che sail tosto carponi, e il miagolio modificossi in quelle di galto che per procella si da fretta e fa grida.

E piu in la avviato sarebbesi e al culmine della scala sinanco , se non si fosse rivollo all' in- giii , onde scese torno a rotear per la stanza , e' avvenutosi alio spigolo d' un pilastro gli diede incontro col capo j e dopo tali mosse il miagola- mento nuova foggia assumeva e come quelle di gatto dove abbia il rivale propinquo , e che cir- cospetto si avvicina a mettersi in difesa, e ad assalire j ma durando in quegli atti che poleano cagionargli sinistro si slontano.

Poi si posava miagolando a cupezza , un campereccio avvicinavalo allora a notare le sue azioni viemegllo , e in tal mentre venne a maniera gattesca sbufTato , poco poscia un arte addominale sliingava , il toracice rispondente in- sussieguo, e li muove ad analogismo del gatto.

Coniiiicio a dinienare la testa dipoi e le mani odorandosi avvisando rimaner ancor della sostanza predata torno a masticare e a deglulire nelta me- desima guisa.

Sui gomili stando in sussieguo, inuove il capo di nuovo , e va spiando merce 1' odorato a cerzio- rarsi di preda siiperstitej ma le azioni antedelte e il miagolio e i ftnomeni meccanicj di respirazione aprivano cosi finito analogismo colle funzioni fisio- logiche gallesche , che 1" individuo non osservandosi si tenea sicurta esistere quivi un individuo galto. Riposatosi con avvicenda- 48 mento sopra ambi i gomiti faceva delle mosse come per lambirsi il torace e le spalle 5 e sul cabito sinistro posalosi la destra mano diessi a leccare gli stessi moti ripetendo come coUa si- nistra , e a simiglianza de' gatti , dove poltrendo vanno in penslero di iteratamente pulirsi.

Ma cio non e il tutto dell' evoluzione del jnorbo , ed eccoci ad un' altra fasi ove la mente diversamente sfrenava ed andava in erraoiento. Tornatogli anelito e umana voce schiudendo , che articolava in parola crede essere itisieme colla donna per cui passiono, la svillanegg-ia scaricandole sopra un rovescio d'ingiurie e di rampogne, per le rice- vute nequizie , e la rubata moneta le crede dar gran punzoni , colpi di ginocchia vi aggiunge , clie sul pavimento rimbombano , e piu angosciava e piu inacerbiva e fieri urti menava che si reputo convenevole tai pensieri slornargli di die si addava con tanto rammarico ; ma invano che addebitan- dosi grave delitto ripiglia la ortostadia e da qual- che orma di voler fuggire dicendo.

Miagolando di nuovo ripiglia la progressione quadrupede , lascia la casipola e si diede per lo corlile girando ; ma in poco spazio altulivatio gl'in- telleltuali disturbi e varcavasi l' accesso parosistico, posossi boccoue sul suolo, ebbe travagliato respiro, 49 ritnostro uraano parlare , impetro la madonna delta Catena a scatenarlo , e s' addoruii. A spiare viemeglio impertanto i falli di quel- r infermita , e a toglierj? L' egregio dottor Japichino di cauterizzare V e- groto durando il fervor dell' accesso ed egH facealo iin bottone cadente apponendo di costa la prima vertebra lombare , e poi altri due in punti vicini 5 ma da un po di corrugamento del tessuto alia sola prima cauterizazione non venne veduto, e i' egroto in nulla slurbato da questa soperchianza dl slimolo , senza interrompimento segui carponi miagolando , e il parosismo un correre uguale seguendo dilegnavasi di pari modo la madonna della Catena chiamando.

Dormendo la notte all' ora assueta s veglia va avvertendo raolestia al luogo bruciato che esagita- vasi fortemente e si convellea Jper dolore, indi appari febbre che protrasse piu giorni ma che noa impedi di rivenire ogni notte I'abituale malore.

Ecco r imraagine de' variati turbamenti fuQ- zfonal! L' accesso parosistico accade durante il son no e nel principio sempre , anco qualora questo suc- cede nel giorno j 1' insulto avviene pressocche ogni notte e per quanto si e osservato non piu d' una fiata J la malattia costantemente presenta nella sua espressione funzionale due categoric di fenomeni j fenomeni di imitazione gattesca 5 fenomeni di ri- petizione di atti che nella veglia sono accaduti o ricordi di sua araorosa consuetudine j durante i primi miagolasij nei secondi voce umana si parla, e nel passaggio degU uni agli altri vi e uno spa- zio di taciturnila 5 durante 1' attacco I'individuo insensibile mostrasi a qualnnque piu forte impres- siouamento.

E a metlerci in via della teorizzazione del faLto e alia ricerca volgendoci della natura del morboj il verificarsi costantemente 1' accesso nel sonno senza mostrarsi giammai in vigilia , 1' addor- mirsi sempre V egroto dopo il parosismo, e lo sdi- menticare ogni cosa alio svegliaraento seuza rimem- branza serbarne , il riprodursi molte azioni intel- leltuali locomotive ripetizioni dell' operare del gior- no, e la categoria de' fenomeni erotici die riap- parivano ad ogni accesso sovente, convipcono ap- pieuo die tale turbazlone cerebrale costituiva una forma di Sonnambolismo.

E lasciando di considerar la malattia come individualita morbosa e a precisarne la sede nel cerebro potrebbe dirsi che se il Sonnambolismo stalegato e dipende d' un esaltazione tlinaniica del- I'organo intero iperencefalo nervia j la Gallantropia che nel suo corso si sviluppava ad una lesione riducesi del giudizio da metterci in credenza di reputarci sformali, in gatto o ad una monomania deH'organo della comparazione , che e quello che fa couoscere I'esistenza dell' io secondo i frenologisti del giorno, iallegandosi nella classe medesima ove la Teomania 53 ei racchiude e comprerulendosi corae la Licanlropia e la Ciiiaiitropia nella Zoaiilropia.

Ma quali sono le correlazioni etiognosiche fra i fenomcni di Monomania Gallantropica, e quelli di Sonnambolismo? L' apparimenlo di ambidue sotto r azione della causa stessa , e il riprodursene gli access! Durando in tale positura morale una sua 5b' fante informavala d' un cotal cavallere che sareb- bele tomato buon sposo. AH' imeneo fervente ia- cliaazione covando, tali parole per sifl'atla inaniera le entrarono in cuore, die furon d' iucenlivo for- tissimo a sfrenarle la raenle, perversione inducendo air istinto genesico che manifeslavasi con desiderio intenso di maritarsi , comeche ella non conosceva tale individuo , ne avealo veduto per nulla j ma essendo la frenesia lieve di grado , e tenendosi isolata del tutto sfuggi queslo periodo iniziale del morbo ad ogni osservazione , e i congionti si 1am- biccavan il cervello a stenebrare il perche del suo immalinconire e del romilico vivere sole mutazioni che ella nel suo portamento mostrava.

Al nonagesimo giorno dell' accaduto malore ia monistero si pose in serbanza come a sperperare la propensione molesta che la signoreggiava cotanto e cola duro lunga pezza senzache aprisse di quel falleggiare sentore. Meravigliarono le religiose a cosi strana avvenlura , e perche colei di sagge mauiere non avea per 1' innanti mostralo aberranza, raisero sicurta che la bisogna andasse non altrimenti di come ella narrava.

E a delineare meglio e con ordine i falti spellanti a quel morbo ecco il suo fare e la guisa come viene passando iljgiorno e la sera. Colla spe- ranza nel cuore di veder il Cavaliere si leva sul- V alba e cosi mal' asseltata di j anni e in larselto schiude la finestra che raette di rincontro al con- vento ove lo crecle albergato e spia qnei Iiioghi alcan tempo. Poscla comincia a veslirsi nscita dal bagno fa la sua pettinatura e acconciasi ogrri giorno in diversa guisa la chioma , si lava le mani la faccia per oltre mezz' ora , ungendosi con tulti i cosmetici che potrebbero renderle pia fina la pelle meglio fiorite le guaiice, si taglia le unghie , si stucca li denli , e cosi comincia ad.

La cameriera impertanto cbe ne e la fida, compagna tiensi occupata mai sempre a modificare i suoi abiti secondo le foggie varianti di moda, e come il figurino prescrive a cui la signorina asso- ciata si trova , e che gelosamenle custodisce per mostrarsi fra 1' universale delle femmine la prima air unisono del vestire nuovo delle piii capricciose del giorno. Toccando il meriggio siede a desinar tutla sola, usando moderala cibaria , e negl' intervalli che framezzano il venir delle nuove vivande fa preci onde tosto si avveri 1' agognato imeneo.

Poscia al caro luogo ritorna, e finche assera dimoravi coa poche e corte intramesse , sebbene ne cavaliere ne monaci "vedesse per nulla perche il suo genitore supplicava quest' ultimi che piii a quei balcooi iioa si facessero.

La domenica veslita in gala con portamento attillato va ad ascoltar messa nella cliiesa teatina, nel cui convento crede il cavaliere albergalo; poscia col sagrista si tiene in segreto dire , niandando a riferir molte cose al suo prediletto j e quello a scroccar del deuaro finge rilerirle quanto il cava- liere c compiacente di vedersi tanto innanzi nella slima e nell' afletto di lei , e che la facea sicura deir amor suo, uscendo pol dalla chiesa cammi- nava cogli occliI volti al convento, ove immaginava dimorarci il di lei caro da correr pericolo di cader giu stramazzone.

Ascoltava per caso che un cotale che lo stesso nome portava del sno cavaliere , fece procura di tenere a battesimo un neonato ad una signora , avwsando che quegli fosse il suo prediletto si da tutto pensiero di stringer cordiale amicizia con quella, e mostrarlesi affabile famigliare onde lenerla in buona grazia di qiiello e farle presto concludere il sospiralissirao parentado, e la raanda chiamando sovente a tenersela in compagnia. Ma non pero ne' maggiori fervori erotomaniaci e dove l' aberranza della ragione trasceiule , liene sconcezza nel dire o Irascorre alle laidezze.

E rintellelto nella sua inEegrezza si sta , e tornale il senno, che pare gia rinsavita di qualsivo- glia altra cosa trattando ; con posiliva saggezza , porge consigli per gli alti negozli , gli scabrosi afFari domestic!

Di tal guisa seguendo piu. Oltraccio 1' asimettria racbitica fa maggiori progressi, e la egrota sovente di dispnea si travaglia eke acuzie assume , e non cede che alle sanguigne alia dieta alia di gilale. E del corso dal morbo dicendo coraecbe la erotomania abituale si fosse e conlinua ba del divario, e le sue quietazioni e i suoi raccendimenti presenta, e le stagioni mutamento le arrecano , e F allulisce 1' inverno, 1' inasprisce la state e i cal- di del solleone in ispecie.

Tale e la storia circostanziata de' fatti , e la maniera come una frenesia siugolarissima fenome- nizzasi , e che tribola pure dieirp due anni quel St' disavventurato indivlJuo e dal principio mosso che se la clinica raccoglie le osservazioni ed i falii, e dall' osservazione che la deduzione ne nasce e dalla deduzione la scienza, a corredaria di oppor- tune riflessioni e delle illazioni a cavanie io fo innanzi uo qualche concetto.

E primaniente a farci un idea razionale del- r essenza del morbo, se si riflette che 1' aberranza di mente circosciiveasi nel cerchio istretto delle sole cose spetlanti V istinlo genesico, laddove occupar si potea di qualsivoglia altro subbietto ragionanda seujpru da sen no , e da asseverare che la infermila riduceasi ad una monomania del bisogno istintivo della generazione 5 e se arrogesi a cio 1' egrota sorregere ogni guisa di ragionauiento sopra quasi- voglia subbietto , seuza tornare alia serie abituale delle idee erotlche , e che fornita di laziocinio di senso logico mostrasi su tutto cio che non presenta rapporto colla idea dominanle , potrebbe- si ammettere che la monomania era perfetlamente circoscrilta a quest' istinto suUanto , e che costi- tuisse la vera monomania ove T aberranza sta per un solo passionameuto.

L' idealita operava la personificazione del- r individuo che non conosceva per nulla effigiando il bello ideale d' un maschio. II sentimento di venerazione esaltato, facea dimorare I' egrota in suUa sera co- stantemente due ore in ginocchio per far preci a verificarsi il desideratissimo parentado. La circospezione si attivava peranco dall' i- stlnto genesico die la mentecatta non usciva fuorj di casa ne frequentava i ritrovi o le adunate fe- stevoli a non melter cagione di dispiadraento 5 e il sentimento della propriela pure vi era sommesso die conoscendo 1' avarizia del sua genitore a sfog- giare in dovizia ed eleganza di vest!

E oltracdo il cerehello e 1' islinto genesico irradiando le facolla inlellelluali riflettive fa credere tutti quel paradossi cioe die innamorasi d' ua Individuo non mai vedulo da lei ; die lo vieng aspettando ogui giorno 5 die lo crede vestito mo- naco per amor suo , e albergato nd piCi viciqo convento.

Ecco il meccanismo ddle fuazioni del cerebro 6zl presso rinclividuo dl clie si favella, la gulsa come r islinto predominante signoreggia d' alquanto e il modo come si coordinano e si combinan fra loro le funzioni dei ripartimenti diversi dell'organo e le ausiliarie e le antagonistiche. Da ultimo celebrando la rarita deU'Erotomania che fa subbietto alle no- slre ricerche avra potato vedersi come essa viene ad interpretarsi secondo le teoriche della frenologia che Iraveduta dagli antichi come in barlume , creata e ridolta a sistema dal Gall aggrandita dai travagli di Spurzheim , sempreppiu immegliando nella via del progresso per le fatiche di Combe Vimont Broussais e delle Societa frenologiche , forma la positiva occuiJazione di molti scienziati del giorno , a schiarire viemeglio le leggi e i fatti complicaiissimi delk fisiologia dell' encefalo.

Poco dope le scavazioni furono abban- 0 Ferrara Mineral, sicil. Economica di Catania iSSy. PaJer, — pag, Giuseppe , pezzi c i'arina. Wei i peio un tenenle di cavalleiia in- glese, il sig. Becli , presentalosi al signer Pietro Canipanella da Messina , socio nostro cor- rispondenle ed assiduo ricercatore de' minerali Eclle raontagne pcloritane, gli domandv..

Daniel francese , ed un sig. Basile napolitano , e ad interrogar varie volte sen venne il prelodato sig. Campanella con piu di precisione , suUe localita e suUe condizioni di que' metalli , non che del carbon fossile , del- r allucne , ed altro.

Trovavasi di quel tempo in Messina V augusto nostro Monarca FERniNANDO II, e que' tre intra- prenditori gli si presentarono per domandargli il permesso di scavare le miniere di Sicilia e di Ca- labria , coUa privativa di anni venti 5 a condizione di lasciare poi la gran Fonderia alia inglese , e le miniere aperte.

Beck furono assegnate , ed aUrettante al sig. Daniel, quale agente della societa delle niiniere del Regno unito. Tutto cio fu stabilito prima di saggiare i siti dei supposti fdoni raetallici. I lavori cominciarono in S. Miceli presso, Messina; punlo scoperto sin dal dal signer Gioachino Arrosti , e dal sig. Campanella j ove il solfuro di antimonio con qualche traccia di arse- nico piombifero si appalesava nella forraazione del terrene lalcoso.

II fondo fu gabellato dal Conte Averna per anni nove a due, all' anno: Si fe , non ostante , correr voce die il profitto era grande e che la impresa era acceitata pienamente, e la fama se ne spargeva per la Sicilia esaggerata sempre piii progredendo.

Ma tulto ad iin tratto si cesso da' lavori in S. Miceli , e le maccliine egli opera! JMalteo , colla spesa di due. Carlo Porta di ferro — e Portogalli , colla spesa di due. Junker capo direttore delle miniere di S. Adriano Paillette in- gegniere dello Stalo civile e rninerologo insigne. II secondo rimase da Direttore, per istabilire se in ogni niodo , dopo tante consi- derevoli spese, convenissc continuare de' tenia livi ne' siti che piu ricchi apparivano.

IMa questi co- nosciuta la vera natura delle miniere trovo che la impresa doveva infallibilmente andare a vuoto: Dopo di che la compa- gnia , lasciando per juanto dicesi in S. Miceli qm'ntali , di minerale grezzo , in Fondachelli quiutali 3oo, e quintali in fiume di Nisi , noa ayendo tutt' ora una stabilita Fonderia, e temendo di spendere altra ingente somma per trarne resul- taraenti infnittuosi si e ridrata , colla perdita di onze trentamila!!!

Paillette e 1' amico Gampanella , facendomi done de' metalli tutti ivi scoperti , non che di altri interessanti mineral! Paillette venuto in Catania ed inlrattenendos! Paillette ed il Sig. Gampanella, a' quali aggiungendo que'pochi da me stesso iu que' luo- 10 74 ghl altra volta raccolii, potro aiiDuuzlai-e una col- lezione completa de' metalli di Sicilia. Nessuno ignora che le sostanze nietalliche in varii modi si trovano giacere fra' material; delle roc- ce di antichissima origine.

Le formazioni dette pri- mitive di gneis , di micascisto , di scisto argilloso, di talco 5 quelle di grauvacca e di scisti del periodo intermediario e siluriano, non che taliine delle piij. Talvolta compaiiscono in vene lia la roccia slessa: Difficile riesce a prima giunla il poter deler- minare la potenza di una miniera , perche quando essa si manifesta alia superlicie di una roccia non apresenta sempre il suo vero carattere: E in questo per 1' appmito die i nioderni possono dirsi piu esperti degli antichi 5 imperocclie velusta per quanto si fosse 1' arte di scavar le fodinc , e di fondere i metalli , non puo tuttavia negarsi che i metodi ne sono stati sempre migliorati , ed hanno progredito verso la perfezione in ragion diretla de' melioramenti che la minera- logia e la geognosia vi ban recato.

E se ne' pas- saii lemj i era sempre dubbio lo intraprendimento de' lavori per le miniere , oggi che i lurai della geologia si son portati fin suUa natura e condi- zionc de' filoni metallici , si puo con raolta fidu- cia ri osare sul gludizio degli esperti e dotti ia- gegnieri delle miniere. Or uno di questi appunto dee riguardarsi il sig. Nessun filone proprianiente detto gli e toccato osservare , ed a riseiba di una variela di conibinazioni melalliche clie giova piu alia mineralogia in generale cbe alia economica ulilita, lieve o nessuno indizio lia rinvenuto , die meri- lasse la pena di ulteriori lenlalivi.

Veri soiio slati tiovali in parte, da' suoi spe- rimenti, i residtati clie si oltennero dagli esperli di allora sotto Carlo vi e sotlo Carlo iii j ma cio non impcrta che le miniere presentassero filoni pro- fondi e durevoli. E mi sia lecito che tornando di nuovo suUa storia di essi io faccia riflettere, che se i lavori furono continuali per qualche lem- po, cio si deve senza dubbio ad uno scaltro stra- tagemraa usato da non pochi impiegali in quelle opere , onde continuare ne' loro soldi e profiui , di presentare , cioe , a' Monarchi residtamenli reali di raetalliirgia, che davano prodolti vistosi di ar- gento , di rame , di piombo ec.

Ma a lungo andare, come per solo conforta della afllitta umartita , sempre avviene la verita dovea pur manifeslarsi. Si tento far credere die il gran numero de- gli impiegati dal goveniu portasse I'enorme sbilan- eio nelle spese, e si proposero simulati appalti ed arreudameiili, ma anche questi doveltero andare a vuoto, perclie in effetto il maleriale era scarsis- simo e spesso maiicava del tiUto.

Si abbandono dun [ue allora il pensiero delle miniere in Sicilia da quelli cui era noto I' andamento delle cose ; ma resto sempre nei volgo , ed anche fra' cultori della mineralogia , fiuo in mente il pensiero di essersi senza ragionc abl andonata la idea di scavarsi le uostre minerali ricchezze ; a segno tale che , come di sopa s' e cennato, il saggio governo noa voleudo mostrare che opposizione alcuna dal suo canto si trovasse a tali imprese, permise a' pro- prietarii ed agli intraprenditori lo scavamento delle gallorio, a propria loro ulilila.

Questi non furono mai da lui rinvenu Ecco pertauto il vero ed essenziale motlvo per cui tutte le volte che si son volute scavare le nostre miniere, ancorche favorevoli resultati aves- sero dato i primi sperimenti , si e poi dovuto rinunciare all' idea di coutinuarne i lavori.

A vedere solaniente i pezzi die contegono questi metalll , fa iu vcrita pena sensibilissinia il pensare die cosi poca quantita iie conlenessero in seno le nostre rocce 5 e non si pu5 non deside- rare vivanienle in cuore die il Sig. Paillette si fosse ingannato ne' suoi saggi: Ma per I'opposto e da temere, per chi co- nosca la natura de' terreni e de' minerali , che M solo desiderio di vedere ricca la Sicilia anche di miniere nietalliche fa uutrire una sperauza , che e poi vana in effetto.

Passianio al Catalogo de'campioni ch' io con- servo , rinvenuti da nie nel i , inviatinii dal Sig. Campanella in Novembre dell' anno passato , e donati gentilmente a me nello scorso niese di Maggio dallo stesso Sig. Paillette j e questi, mi h parso clover classificare sccondo il meiodo del Sig. Arsenico solforato giallo in pirite blanca di ferro.

Questo pezzo e di Fiume di Nisi. C;irlo a Flume di Nisi. Questo ininerale si trova incrostaute i pezzi slaccali delle recce degli antichi scavamenli 5 e li due alabastri 8ono a slralicelli , nno sovrapposto all' altro P. Carlo a fiume di Nisi. Arragonite coralloide , ossia Flos ferri con alabaslro , della miniera di S. Del pari che i sopracenna-li minerali , questa Arragonite e pur essa incrostarite i pezzi staccali della galleria di S. Carlo ; a bellissima ramifica- zioni , e d' una Lianchezza di neve.

Arragonite acicolare , nello Scisto decom- posto di Fiume di Nisi. Manganese ossidato ferrifero j e manganese Jdrato.

Trovasi nelle gallerie di Piume di Nisi , ma in poca qiiantilli. Ferro solforato lamellare , da mc raccolto in Noara nello scisto argilloso decomposto. Pirile marziale in massa, color bigio lucido, a superficie iridata — di Fiume di Nisi.

3 comments on “Site porbo escort girl athus”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *